Questo sito contribuisce all'audience di

La magia del ricordo, come si coltiva. E come farlo diventare un prezioso antidoto alla solitudine

Tutto quello che potete trovare di magico nei ricordi. Scriveva Gabriel García Márquez: «La vita non è quella vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla». Non sprecare il ricordo significa non sprecare la vita.

di Posted on
Condivisioni

IL VALORE DEL RICORDO

Non fatevi ingannare dalle persone che provano ad allontanarvi dal passato, con le sue luci e con le sue ombre, e concedetevi invece la piacevole pausa per visitarlo. Senza rimpianti inutili, senza intrappolarvi nella constatazione banale della legge naturale del tempo che passa, senza spostare lo sguardo sempre e solo indietro. Coltivate, invece, il ricordo con naturalezza, senza sprecarlo, con e per il piacere di farlo.

C’è qualcosa di magico nel ricordo, sicuramente. Nel senso proprio di un incantesimo che, se riusciamo ad assaporare, porta serenità, gioia, e una dolcissima malinconia. Nel tempo del presente per tutto e con tutti, coltivare i ricordi non è certo facile. Si rischia perfino di sentirsi esclusi ed emarginati dall’onda lunga della fretta, del tempo che bisogna afferrare al volo, senza profondità, non curandosi del passato e non avendo così slancio verso il futuro.

LEGGI ANCHE: La donna che vive solo nel presente. Non ha memoria, stiamo finendo tutti così?

IMPORTANZA DEI RICORDI

Quando parlo della dolcezza del ricordo, la prima persona che mi viene in mente è mia padre. Ha superato i 90 anni, la sua memoria a breve è azzerata (non ricorda neanche quello che ha mangiato qualche minuto prima), ma i suoi ricordi dell’infanzia, con sette fratelli e una sorella, della vita con il marito e con i figli quando li cresceva, è vivissimo.

Direi che mia madre vive dolcemente nel ricordo. Qualcosa che possiamo fare tutti, abbandonandoci a questa piacevole sensazione, anche mescolata alla malinconia per il tempo che passa, purché maturiamo innanzitutto la convinzione che non siamo condannati alla prigionia del tempo. All’attimo che appare e scompare, e noi, paralizzati nella testa e nel cuore, a rincorrerlo.

IL VALORE DEI RICORDI

Tutti possiamo ricordare. Tutti abbiamo cose da ricordare. Tutti siamo impregnati di una memoria che avvolge le nostre esistenze. Mi direte: ma ci sono i ricordi tristi, e perfino tristissimi. Che facciamo? Li cancelliamo? Sarebbe bello, ma non sarebbe la vita. Piuttosto proviamo ad ammorbidirli nel torrente del tempo che scorre, e in questo caso cura le ferite del dolore, e teniamo accesa la memoria, per esempio di persone care che ci hanno lasciato, attraverso un ricordo attivo. Come se loro fossero ancora tra noi, come se ci potessimo parlare e avessimo la possibilità di confrontarci con loro: secondo la legge dell’incantesimo del ricordo, appunto.

il-valore-del-ricordo (1)

I RICORDI E LA MEMORIA

Infine, non sottovalutate il fatto che in questa magia, c’è un prezioso antidoto alla solitudine. Il ricordo è narrazione, racconto condiviso con gli altri (che a loro volta hanno da ricordare e da raccontare), e dunque ha un effetto dirompente contro la solitudine. Il ricordo è storia, individuale, familiare e collettiva, ma in questo allungarsi verso le radici c’è anche il segreto della sua forza che ci trascina, in modo positivo, verso il futuro. Il grande Gabriel García Márquez scriveva: «La vita non è quella vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla». Sprecare il ricordo, cancellandolo dal nostro orizzonte, è come sprecare un pezzo della nostra vita.

COME SI COLTIVA LA MEMORIA: