Questo sito contribuisce all'audience di

I sopravvissuti: l’uomo senza cellulare esiste?

di Posted on
Condivisioni

«Oggi mi sono fatto un piccolo regalo. Ho lasciato il cellulare sulla scrivania e sono uscito a prendere un caffè. Niente telefonate, niente sms, niente mail. Ho riscoperto per dieci minuti uno strano silenzio nella mia testa». Non è un pazzo, il collega che pronuncia queste parole nell’ascensore. O almeno non ancora.

Il nuovo lusso dei tempi di oggi è questo: vivere senza cellulare. Chi ci riesce? Chi può permetterselo? Conoscete qualcuno che viva senza cellulare e abbia tra i 15 e i 75 anni? Qualcuno che per scelta non ha il telefonino? Se sì, fermatelo, guardatelo negli occhi e chiedetegli come fa a sopravvivere. Forse vi potrà ascoltare. E raccontare qualcosa di interessante.

Fa ancora un certo effetto (ri)vedersi parlare da soli appoggiati ai cartelli lungo i marciapiedi o traballare con le teste abbassate sul minischermo a digitare un sms, leggere una mail o smanettare su Facebook magari quando siamo con altre persone. E fa altrettanto effetto (ri)vedersi ridere in macchina con un amico che non c’è. Come ascoltare a occhi sbarrati il vicino di seggiolino che in treno ti impreca a 30 centimetri dal volto, urlando alla segretaria che il cliente perderà sicuramente le causa o che non sono arrivati i pancali previsti.

Nessun giudizio morale per carità, solo piccoli banali fotogrammi quotidiani che mostrano come è cambiato il nostro modo di comunicare (e come siamo cambiati anche noi). E allora scatta la ricerca ai survivors, ai sopravvissuti al cellulare. A quelli che vivono (per scelta) senza il telefonino.

Esistono? Ce ne sono ancora in Italia (oltre al premier Berlusconi che pochi giorni fa ha annunciato di essersene disfatto, lui però perché non vuole più essere intercettato e non per scelta di vita)?
Ci sono ancora dei sopravissuti al cellulare in un Paese in cui – come ci dicono i dati Istat del 2009 riportati dal blog Vita Digitale del collega Federico Cella – il 90,7% delle persone possiede un telefonino (tasso di crescita di oltre il 2% rispetto al 2008) e dove ci sono più sim che esseri umani (siamo a una media di 1,7 sim a persona)?

Se esistono, raccontateci quelli che conoscete, cosa fanno, come e dove sopravvivono (Scrivete qui al forum). Le storie più belle finiranno in rete. A futura memoria, prima che sia troppo tardi e che l’uomo senza telefonino sia estinto per sempre.