Questo sito contribuisce all'audience di

Ogni donatore di sangue può salvare una vita umana (Franco Mandelli)

Grazie a lui, leucemia e mieloma non sono più malattie inguaribili. Ma si salva la vita dei pazienti in 8 casi su 10. Mandelli ha creato la case-alloggio per i genitori che possono stare vicino ai figli malati. E ha fatto scoprire la cultura della donazione del sangue

di Posted on
Condivisioni

FRANCO MANDELLI

Franco Mandelli non è stato solo un grande medico e un grande uomo. Ha speso tutta la sua vita, e non ha sprecato nulla, per combattere terribili malattie del sangue, considerate prima di lui del tutto incurabili. Parliamo di leucemia, linfomi e mieloma: patologie che spesso colpiscono i bambini. «Dovremo sempre fare i conti con queste malattie, ma sappiamo che si può guarire….>> diceva l’ematologo, nato a Bergamo nel 1931. E i suoi protocolli di cura sono stati utilizzati in tutto il mondo.

LEGGI ANCHE: Malati terminali, 300mila soffrono inutilmente. Abbiamo un’ottima legge per evitarlo, ma gli italiani non la conoscono

FRANCO MANDELLI CURA LEUCEMIA LINFOMI E MIELOMA

Prima di Mandelli, l’ematologia registrava grandi sconfitte. E si moriva senza tentare nulla che potesse mettere un argine al depauperamento mortale dei globuli bianchi. Con lui è cambiato tutto e oggi la leucemia acuta è guaribile in 8 casi su 10. L’innovazione scientifica più importante ha riguardato il modo di aggredire le cellule con una chemioterapia molto efficace, una terapia «taglia-globuli bianchi» che li faceva sparire dal midollo, sia i buoni sia i cattivi.

FRANCO MANDELLI AIL

Ma il nome di Mandelli, che riuscì a creare al Policlinico di Roma un reparto modello di Ematologia, resterà sempre legato a due attività, entrambe decisive in questa battaglia così delicata dell’uomo contro il male. La prima è l’invenzione dell’Ail, una macchina capillare, presente in ogni provincia italiana, con case alloggio che consentono ai genitori di stare accanto ai piccoli anche durante le cure. Una vicinanza che fa molto bene ai piccoli malati e contribuisce, talvolta in modo determinante, alla loro guarigione.

FRANCO MANDELLI DONAZIONI SANGUE IN ITALIA

La seconda invece, grazie anche alle straordinarie capacità di comunicatore di Mandelli, è stata la trasformazione del gesto di donare il sangue, in un atto condiviso e collettivo. Popolarissimo. Se oggi in Italia abbiamo circa 1 milione 500mila donatori di sangue volontari, e si verifica una donazione ogni dieci secondi, lo dobbiamo a lui, al sorridente e generoso professore di Bergamo. Mandelli sosteneva che la medicina è sempre un lavoro di squadra, che deve aprirsi all’esterno e coinvolgere i cittadini, ed era consapevole fino in fondo di quanto ciascuna donazione, una per una, potesse servire a salvare, da sola, una vita umana. E per questo è riuscito a trasformare gli italiani in un popolo di attivi donatori.

(Fonte immagine di copertina: Ail – Associazione italiana contro le leucemie-linfomi e mieloma Onlus)

COME CURARE I BAMBINI IN OSPEDALE, STORIE DI ECCELLENTE SANITÀ: