Fiore - Cucina in libertà | Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Fiore, da ristorante della mafia a simbolo di legalità e integrazione degli immigrati

Ci sono voluti 25 anni per affidare alle mani giuste un locale di Lecco sequestrato a un boss della ’ndrangheta. Adesso ci lavorano 11 persone che arrivano anche dall’Africa

di Posted on

In un momento nel quale dobbiamo fare i conti con l’arrivo anche dei profughi afghani c’è un’esperienza che può essere considerata come un piccolo modello di riferimento. Utile per integrare gli italiani con gli immigrati e innanzitutto per non sprecare i beni sequestrati alle mafie. Tanti beni, dagli immobili alle aziende, che spesso marciscono, nell’incompetenza e nell’opacità di gestioni a cavallo tra magistratura e una sorta di lobby dei commissari liquidatori.

FIORE RISTORANTE DELLA LEGALITÀ

Siamo a Lecco, una delle aree della Lombardia ad alto livello di reddito dove si sono concentrati negli anni molti investimenti della mafia e della ‘ndrangheta. Case, uffici, aziende, ristoranti, bar, pub. Qui ha messo radici, facendo ottimi affari il boss calabrese Franco Coco Trovato, fino a quando, nel 1992, un’operazione delle forze dell’ordine non riesce a incastrarlo. Il latitante viene arrestato e i suoi beni, compreso il ristorante Wall Street, molto frequentato a Lecco, vengono sequestrati.

LEGGI ANCHE: Beni confiscati alle mafie, troppi sprechi. Gestioni inefficaci e mancanza di fondi

LA CONFISCA DEL RISTORANTE IL FIORE

Una volta confiscato, il ristorante finisce nel vicolo cieco delle gestioni parassitarie dei beni sequestrati alle mafie. Nessuno sa bene come utilizzarlo e come non sprecarlo. Magari qualcuno si illude che possa tornare, prima o poi, nelle mani della malavita organizzata. Passano anni e soltanto nel 2017 (parliamo di venticinque anni dopo il sequestro!) il ristorante viene affidato alle persone giuste. La cooperativa sociale Olinda, l’Arci e l’Auser Lecco, si uniscono e ottengono la gestione del ristorante, il cui nome diventa Fiore – Cucina in libertà. Un nome simbolico, in quanto i gestori vogliono indicare qualcosa che sboccia nella cucina confiscata al boss.

COME SI LAVORA AL RISTORANTE IL FIORE

Oggi il ristorante Fiore è tornato a essere un luogo accogliente e molto frequentato dagli abitanti di Lecco. Ma si viene qui solo per mangiare. Ci sono libri, piatti prelibati, un arredamento molto accogliente. E c’è una squadra che lavora nel locale che mette insieme uomini e donne italiani con immigrati. Al vertice ci sono Giorgio Antoniella, cuoco originario di Terni, e Raffaele Mattei, della Fabbrica di Olinda di Milano. Ma ci sono anche dipendenti che arrivano dall’Albania, dal Senegal e Ghana. Sono pasticcieri, pizzaioli, camerieri: in tutto undici persone, che dimostrano come, non sprecando il frutto del lavoro dei servitori dello Stato contro le bande dei criminali, si possono creare piccole ma straordinarie occasioni di lavoro e di integrazione.

Le immagini sono tratte dalla pagina Facebook del ristorante Fiore – Cucina in libertà

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato. Clicca qui!

IL RECUPERO DEI BENI CONFISCATI ALLA MAFIA:

  1. Calcestruzzi Ericina, i lavoratori che riciclano i rifiuti edili con un’azienda sequestrata alla mafia
  2. Nel palazzo confiscato alla mafia nasce un’officina per le biciclette
  3. Cascina Caccia, da casolare confiscato alla ‘ndrangheta a luogo di rinascita
Share

<