Questo sito contribuisce all'audience di

Ferragni & Fedez, i nuovi divi del web narcisista. Dove l’intimità diventa un affare, e l’apparire una forma di culto

Con e senza mutande. Mentre si scambiano messaggi d’amore riciclati. O mentre l’ecografia mostra le immagini del figlio nella pancia di lei. Tutto fa spot, tutto fa spot. Anche le peggiori gaffes

Condivisioni

ESPOSIZIONE MEDIATICA CHIARA FERRAGNI E FEDEZ

Con e senza mutande. Durante l’ecografia del figlio Leone nella pancia. Mentre filma il lussuoso attico di famiglia nel centro di Milano. In un’infinita sequenza, con lo sfondo della bellissima Sicilia di Noto, intitolata Scene da un matrimonio. Non c’è dubbio che se buonanima di Umberto Eco tornasse a vivere per studiare il nuovo divismo attraverso i media, la sua scelta cadrebbe sul tandem Ferragni-Fedez. La più straordinaria coppia di affari via web, entrambi capaci a un’età poco più che giovanile, 31 anni lei, 28 anni, lui, di trasformare in oro tutto ciò che toccano e macinano nella lavatrice dei social. Da Facebook, l’agorà della condivisione, a Instagram, il martello online della moderna ostentazione. Insieme, Ferragni & Fedez fanno venti milioni e mezzo di followers, 14,2 che seguono la influencer e 6,3 alla corte del rapper.

 

Family ? #TheFerragnez

Un post condiviso da Chiara Ferragni (@chiaraferragni) in data:

LEGGI ANCHE: Narcisismo patologico, perché è diventato una malattia di massa. Specie per i giovani…

CHIARA FERRAGNI E FEDEZ

Lasciamo agli esperti di Scienze della comunicazione la decifrazione del fenomeno, e andiamo piuttosto a capire ciò che rappresenta negli stili di vita e nei modelli di riferimento che si stanno sempre più sintonizzando sull’onda lunga del web. Il successo, la popolarità, la morbosa curiosità, la miscela di invidia e di culto, che circondano tutte le immagini della coppia ne dimostrano l’assoluto potere in termini di comunicazione. Si possono permettere tutto. E per questo fanno tutto. La mercificazione dei loro corpi non è più un seno scoperto, un’immagine tra l’erotismo e il pornografico, il detto e non detto: è una totale cessione di sovranità del proprio essere sull’altare dell’apparire. Laddove ciò che il mercato paga meglio, in termini di follower e poi di conseguenza di soldi che girano, è il mostrare senza alcun limite ogni angolo della propria intimità.

 

?

Un post condiviso da Chiara Ferragni (@chiaraferragni) in data:

Nella bulimia di incroci, tra immagini anche piuttosto volgari e frasette da baci Perugina, tra il tandem del web e il loro popolo, non c’è mai un limite, un rendiconto, un rischio, rispetto alle proprie azioni. L’impunità è totale. Se cercate su Google le gaffes di entrambi, consumate tra uno scatto e l’altro, potreste scrivere un intero capitolo della loro biografia. La Grecia confusa con Israele. Lui che prima pubblica e poi si scusa (ma sarà vero?) il prezzo dell’anello di fidanzamento che ha regalato a lei, 262.550 dollari. Sempre lui che per fotografare il cane mostra anche il sedere nudo di lei, e poi si arrabbia (ma sarà vero?). Lei che fa pubblicità a un latte artificiale americano che in Italia è vietato. Il messaggio d’amore di Fedez riciclato, pari pari, dalla corrispondenza sul web con la precedente fiamma.  E sullo sfondo sempre e solo spot sul web, pagati a peso d’oro, laddove il confine tra un’opinione, un giudizio, e una pubblicità e una marchetta è completamento saltato. La Ferragni e Fedez hanno sicuramente talento, e non poco, ma hanno deciso di metterlo al servizio dell’industria più avanzata nell’era della comunicazione su Internet: la fabbrica del narcisismo, una miniera d’oro per che sta ai comandi della catena di montaggio. Una deriva dell’uomo che gira e fa girare solo intorno a sé stessi, e prima o poi va a sbattere contro qualche muro.

 

Second @dior Haute Couture dress of the night ? #TheFerragnez #SuppliedByDior

Un post condiviso da Chiara Ferragni (@chiaraferragni) in data:

PER APPROFONDIRE: La discrezione è un gesto di ribellione nella civiltà dell’apparire. E quando scompariamo, sono gli altri a cercarci

THE FERRAGNEZ

Il divismo del web mostra tutto perché tutto può essere sponsorizzato. E fa sorridere la cafonaggine dei dirigenti Alitalia che, invece di preoccuparsi di evitare l’ennesimo fallimento della compagnia, pensano furbescamente di comprare pubblicità a buon mercato inventando l’aereo griffato «Ferragnez». Non sapendo che quando c’è in campo una coppia come questa, tutto lo spazio dell’apparire è loro, e per gli altri non ci sono che briciole. Compresa la solita raccolti fondi per la carità, il marchio del buonismo dei divi del web che non può mai mancare: la Ferragni & Fedez hanno chiesto per giorni e giorni ai loro milioni di follower di fare qualche donazione per aiutare concretamente le persone segnalate sui loro social. Sono arrivate settanta donazioni, e circa 20mila euro in tutto. Briciole, di una torta che, con la panna dello spreco del proprio essere, in questo caso possono dividersi soltanto in due.

 

Il viaggio può cominciare. Quando torno sarò sposato! ?✈️❤️ #TheFerragnez #Adv

Un post condiviso da Fedez (@fedez) in data:

(Le immagini sono tratte dai profili Instagram di Chiara Ferragni e Fedez)

QUANTI GUAI ARRIVANO CON IL NARCISISMO DILAGANTE: