Consigli utili per non stirare più - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Come smettere di stirare: i consigli per non usare più il ferro da stiro

Partite dall'inizio: lavaggi brevi. E dopo il risciacquo panni ben stesi con le mollette. Tutte le tecniche per ciascun capo di abbigliamento

di Posted on

CONSIGLI UTILI PER NON STIRARE

Difficile, molto difficile, trovare una persona, donna o uomo che sia, alla quale piace stirare. Nella classifica dei lavori domestici è proprio in fondo alla lista nella graduatoria delle preferenze, e in molte case la sola parola “ferro da stiro” evoca noia e fatica. Oltre che un significativo consumo di energia elettrica.

COME SMETTERE DI STIRARE

Ma nonostante ciò, nella case degli italiani si stira davvero tanto. Difficile che il bucato, una volta asciutto e pulito, venga piegato e finisca direttamente negli armadi. Il passaggio del ferro è obbligatorio. A differenza anche di diversi paesi, pensiamo all’Europa del Nord, alla Germania e perfino alla Spagna, dove l’uso del ferro da stiro è molto circoscritto.

COME SMETTERE DI STIRARE IN ESTATE

Ecco quindi tanti consigli e suggerimenti utili per smettere di stirare e ottenere un bucato piegato e, naturalmente, in forma senza ricorrere all’utilizzo del ferro da stiro.

  • Preferite lavaggi brevi in lavatrice e con una centrifuga al massimo di 800 giri.
  • Una volta finita la fase di risciacquo, portate fuori dalla lavatrice immediatamente gli indumenti e stendeteli avendo cura di posizionare le mollette in luoghi strategici dove non si vedono.
  • Per le camicie: una volta lavate, tirate bene il tessuto, soprattutto nella fila dei bottoni, in modo da distendere bene le fibre e poi fatele asciugare su una stampella.
  • Lenzuola e asciugamani: dopo averli sbattuti 2 o 3 volte, stendeteli aperti e, quando sono leggermente umidi, ripiegateli accuratamente. Stirateli per bene con le mani, poi riapriteli e lasciate che finiscano di asciugarsi. Riponeteli impilati: il peso aiuterà a piegarli per bene.
  • Maglie e magliette: dopo averle sbattute un paio di volte, distendete il tessuto con le mani e poi fatele asciugare sulla stampella.
  • Maglioni e capi in lana: se vi capita, durante il cambio di stagione, di dover lavare i capi in lana, per evitare che prendano strane forme e che le fibre si deformino, stendeteli in orizzontale sullo stendino avendo cura di girarli di tanto in tanto.
  • Gonne e minigonne: se le stendete per la vita, dopo averle sbattute ben bene, non ci sarà bisogno d’altro.
  • Jeans e pantaloni: anche per questi indumenti vale la regola dello sbatterli prima di stenderli e del piegarli per bene con le mani in modo che le fibre si distendano. Le nonne erano solite stenderli al contrario, dalla parte dei piedi e tiravano fuori le tasche avendo cura di distanziarli gli uni dagli altri. In questo modo rimarranno naturalmente in forma.
  • Indumenti dei bambini: durante la bella stagione, prediligete indumenti comodi che non hanno bisogno di particolari stirature.

come-smettere-stirare-consigli-utili

STIRARE AIUTA A DORMIRE

In ogni caso, se non potrete rinunciare all’uso del ferro da stiro nella vostra casa, consolatevi con i dati di un’interessante ricerca del Centro di Terapia Strategica di Arezzo, fondato da Paul Watzlawick e Giorgio Nardone. In base a questo studio, stirare può essere considerata una terapia semplice per aiutare le persone a ritrovare la strada del sonno. In pratica: prima di addormentarsi si prepara l’asse da stiro. Se ci si sveglia, poi si dovrà obbligatoriamente stirare fino a quando non verranno a mancare le energie e bisognerà tornare a letto. Basterà quale stirata notturna, poi sarà sempre più facile e veloce riaddormentarsi, e più prima che dopo arriverete al traguardo di non svegliarvi più e recuperare così il vostro prezioso sonno.

COME LAVARE E IGIENIZZARE I CAPI IN MANIERA CORRETTA:

  1. Come lavare i maglioni di lana a mano o in lavatrice e come recuperare un capo infeltrito
  2. Bucato dei neonati, come lavare e igienizzare i loro indumenti in modo ecologico
  3. Materassi, per pulirli bene bastano acqua calda, bicarbonato di sodio, e aceto
Share

LEGGI ANCHE:

Nessun commento presente

Che ne pensi?