Come scegliere i vasi per le piante, i consigli per non sbagliare
Questo sito contribuisce all'audience di

Come scegliere i vasi per le piante

In legno sono i più belli, ma si rovinano facilmente. In terracotta permettono all'acqua di circolare ed evitano i ristagni. In resina sono molto traspiranti

COME SCEGLIERE VASO PIANTE

Come abbiamo visto più volte, grazie al riciclo creativo, basta veramente poco per trasformare una bottiglia di vetro o in plastica o una vecchia gomma d’auto in tanti nuovi oggetti e decorazioni tra cui originali vasi fai da te per il balcone o il giardino. Ma, a parte i vasi fai da te ottimi anche come idea regalo, sapete quali sono le tipologie di vasi più adatti alle piante che abbiamo in casa, in giardino o sul balcone?

LEGGI ANCHE: Come proteggere le piante dal freddo durante l’inverno

Terracotta, plastica, legno: qualunque sia il materiale con cui è realizzato, scegliere il vaso giusto è importante per fare in modo che la pianta cresca bene e produca i suoi frutti nel caso in cui sia possibile.

PLASTICA

Molto utilizzati, i vasi in plastica hanno un costo molto basso e sono abbastanza resistenti e maneggevoli. Attenzione però alle innaffiature: il vaso si caratterizza per una difficile traspirazione, è quindi importante limitare le annaffiature in modo da evitare i ristagni che potrebbero rovinare la pianta. Durante l’estate invece, soprattutto nelle località in cui le temperature sono molto alte, in base alla pianta ospitata, posizionate il vaso in un luogo esposto al sole solo in alcune ore della giornata in quanto la plastica tende a mantenere il calore più a lungo riscaldando notevolmente il terreno.

RESINA

Ottimi i vasi in resina: la loro porosità naturale li rende traspiranti, ne consente il rilascio di umidità e un ottimo isolamento dal calore e dalle basse temperature.

TERRACOTTA

La terracotta è senza dubbio la scelta migliore per le nostre piante: prima di scegliere un vaso in terracotta ricordate che è bene inumidirlo bene immergendolo in una bacinella d’acqua per far aderire meglio il terreno alla superficie del vaso. Le pareti dalla consistenza porosa permettono all’acqua in eccesso di filtrare attraverso le pareti e dai fori di drenaggio, permettendo quindi alle radici di traspirare. Questo evita i ristagni d’acqua: per capire se la pianta ha ricevuto troppa acqua, guardate le pareti: se assumono un colore scuro e diventano umide vuol dire che dovete ridurre le annaffiature.

LEGNO

Vi sono poi i vasi in legno: bellissimi e molto caratteristici. Ricordate che nel momento in cui modellate il legno per creare il vaso, è necessario trattare e verniciare solo la parte esterna e mai quella interna in quanto le diverse sostanze potrebbero rivelarsi tossiche per la pianta. Un’altra accortezza è quella di adoperare i vasi in legno per le piante grasse: le continue annaffiature possono far marcire il legno facilmente.

CEMENTO

Vi sono poi i vasi in cemento, sicuramente molto resistenti ma anche molto pesanti e poco maneggevoli, stessa cosa per i vasi in pietra. Non manteneteli troppo esposti al sole in quanto tendono a trattenere troppo il calore e potrebbero quindi rovinare le radici delle piante.

COME SCEGLIERE IL VASO GIUSTO:

COME SCEGLIERE IL VASO GIUSTO PER LE PIANTE

Una volta scelta la tipologia di vaso è necessario valutarne bene la grandezza e il colore:

  • Valutate la grandezza del vaso in base alla tipologia della pianta: se troppo grande potrebbe verificarsi uno spreco d’acqua. Al contrario, un vaso troppo piccolo può far soffrire la pianta. Valutate le misure del vaso anche in base alle possibilità di crescita della pianta e ricordate di non rinvasare mai una pianta ospitata in un vaso di terracotta in uno di plastica e viceversa: le radici si sviluppano in maniera differente a seconda del vaso e si rischierebbe di comprometterne la crescita.
  • Il colore è in genere una caratteristica scelta in base ai propri gusti personali, eppure sapete che quelli dai colori chiari riflettono meglio i raggi del sole creando un habitat più fresco per le piante mentre quelli più scuri li assorbono maggiormente rispetto agli altri causando un maggiore riscaldamento del terreno? Valutate questa caratteristica prima di procedere con la scelta del vaso.

QUALI SONO I VASI PIÙ BELLI PER LE PIANTE?

Non esiste in assoluto un vaso più bello per il nostro spazio da coltivare. Le soluzioni, come abbiamo visto, possono essere diverse. E tutto dipende dal tipo di piante, dallo spazio che abbiamo e dal nostro gusto. In generale, dobbiamo sapere che ogni materiale ha qualche controindicazione. La terracotta è molto bella, ma difficile da spostare per la sua pesantezza. La plastica, per i vasi, è una garanzia di leggerezza, ma a parte i dubbi su questo materiale c’è da aggiungere che con il caldo potrebbe surriscaldarsi e andare a colpire le radici delle piante. I vasi in resina durano di più, ma costano di più. Il legno è bellissimo, ma con il tempo la sua usura è molto rapida. Al contrario del cemento, resistente ed economico, ma non certo il massimo in quanto a estetica.

PER APPROFONDIRE: Arredare la casa, ecco come farlo con le piante giuste

Share

Nessun commento presente

Che ne pensi?

<