Come prendere decisioni importanti nel modo giusto - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Come prendere decisioni senza sbagliare. E senza arrendersi agli algoritmi. Ma con cuore e testa

Ogni giorno dobbiamo fare i conti con 35mila piccole, ma talvolta importanti, decisioni. Un errore frequente: concentrarsi sul risultato. Meglio tenere presente il percorso. Il metodo della bussola

Istinto, cuore, testa. Algoritmi. Come prendiamo le nostre decisioni? Come riuscire a orientarsi in una selva oscura, una vera giungla, fatta ogni giorno, pensate, di circa 35mila , piccole, ma talvolta  molto importanti, decisioni? Un tempo, la vita era più semplice, le scelte da fare minori (almeno di numero) e una bussola, talvolta decisiva, arrivava dall’esperienza. Dal consiglio del saggio di turno. Al quale, per i più coraggiosi, si abbinava la voglia di sperimentare, l’abilità di andare oltre ciò che già e noto e conclamato. A quel punto valeva l’antica frase pronunciata da Cesare attraversando il Rubicone: «Il dado è tratto».

COME PRENDERE DECISIONI

Leggendo un libro dello storico Yuval Noah Harari, 21 lezioni per il XXI secolo, scopriamo ciò che già in qualche modo percepiamo. Gli algoritmi stanno avanzando, il nostro cuore sta arretrando. Saranno sempre più gli algoritmi, e dunque la tecnologia, a orientare le nostre decisioni, grazie anche al carburante dei Big Data che noi abbiamo messo a loro disposizione. Gratuitamente e anche inconsapevolmente. Resterà poco, in termini di sentimenti umani, nei nostri processi decisionali e pazienza se l’algoritmo, proprio come un pilota automatico, dovesse commettere qualche errore.

LEGGI ANCHE: L’importanza di chiedere scusa. Una parola chiave che abbiamo rimosso

PRENDERE DECISIONI IMPORTANTI

Non sappiamo quanto il futuro indicato da Harari sia ineluttabile, ciò che consideriamo sicuro, invece, è il declino dell’uomo, lo spreco dei suoi sentimenti e in qualche modo anche della sua ragione, di fronte allo sfondamento della tecnologia nella sfera delle decisioni. Una sfera intima, privata, personale. Dove la macchina dovrebbe entrare solo se e quando lo desideriamo noi. E non viceversa.

Abbiamo bisogno, dunque, di costruire qualche forma di autodifesa. Qualche barriera che ci consenta di riprendere in mano il bandolo della matassa della decisione  e rimetterci al centro del campo, come protagonisti e non come attori teleguidati dall’esterno. Riscopriamo così il valore analitico di una decisione, e di un metodo per arrivarci nel modo migliore.

Il primo errore, talvolta fatale, è quello di concentrarci sul risultato. L’epoca della prestazione, della performance della competizione e del risultato da portare a casa, ci spinge a costruire, anche sul piano mentale, un’equazione tra la decisione che dobbiamo prendere e l’obiettivo che ci siamo dati. Non è così. Ci sono decisioni che hanno effetti immediati, altre che invece aprono un percorso, il cui risultato non può essere definito in anticipo.

COME PRENDERE DECISIONI SAGGE

Prendete il caso di un genitore: quante decisioni deve prendere rispetto alle scelte formative nei confronti di un figlio. L’errore è orientarle alla creazione, quasi in laboratorio, di un uomo che sia il migliore del mondo, con le migliori qualità e senza alcun difetto. Risultato impossibile. Molto meglio limitarsi a circoscrivere il perimetro della proprie decisioni al dovere di un genitore di essere presente. Al momento giusto e nel modo giusto. E con l’essenziale obiettivo di dare a un figlio la bussola della libertà abbinata alla responsabilità. Poi il percorso, e i risultati, saranno opera sua, del figlio, e non del genitore.

Discorso analogo riguarda il lavoro. Nessuno può contestare il desiderio di avere una sicurezza professionale, ottenere un risultato sul lavoro, e portare a casa l’autonomia finanziaria, prima, e i successi di una buona carriera, dopo.  Ma fin qui siamo ai risultati. Ciò che  invece deve diventare prevalente, nel prendere una decisione sul lavoro e nell’orientare anche in questo campo le proprie scelte, è il percorso, il processo che ci porta a fare, o desiderare di fare, alcune cose. E sul lavoro le più grandi soddisfazioni possono arrivare se riusciamo a coltivare passione, interesse, curiosità. Senza sprecare il talento del quale siamo forniti.

L’algoritmo non chiede consigli, noi dobbiamo fare il contrario quando è necessario. Guai a innamorarsi delle proprie certezze, e viva i dubbi, come abbiamo già altre volte detto. E il dubbio va sciolto affrontandolo anche con il sostegno del parere esterno di altri, più o meno esperti, più o meno persone delle quali ci fidiamo. Un tempo, decisioni di questo genere si definivano frutto di un «consulto». Ecco: di fronte all’incertezza abbiamo il dovere di «consultarci», anche perché da una voce esterna magari ascolteremo una prospettiva, rispetto alla decisione da prendere, a noi finora del tutto ignota.

SAPER PRENDERE UNA DECISIONE

Il dubbio porta anche a un rapporto equilibrato con il tempo. Ci sono decisioni che vanno prese rapidamente, questioni di attimi talvolta. E decisioni che invece hanno bisogno di alleggerirsi anche nella più classica delle pause di riflessione. In ogni caso, i momenti caldi, o quelli nei quali siamo più stanchi con la mente, sono i peggiori per scegliere e per decidere. Anche qui, ribaltiamo la posizione rispetto alla tecnologia: l’algoritmo fa tutto in tempo reale, non può prendersi il tempo necessario per maturare una decisione equilibrata. Peggio per lui.

Ed è all’interno di una dimensione temporale che non si inchiodi al giorno per giorno che possiamo valutare una decisione, e le sue conseguenze, con quello che gli esperti chiamano il «metodo della bussola». In pratica: una volta chiarito il punto, bisogna metterlo bene a fuoco, prima della decisione finale, dando una risposta flash a cinque domande. Che cosa conta. Chi conta. Che cosa ci spinge. Che cosa ci trattiene. Da dove vengo. La combinazione delle risposte a queste cinque domande ci avvicina alla decisione corretta. O almeno dovrebbe.

Ciò che sicuramente l’algoritmo non potrà mai fornire all’interno del suo meccanismo che lo porta a stabilire una decisione, è la componente irrazionale. La più importante. Quando decidiamo qualcosa con il cuore, con l’istinto, con una forza che supera i freddi calcoli della razionalità. Sono le decisioni più belle, anche se più rischiose, e più appassionanti. Quelle che fanno la differenza nella vita e lasciano un segno.

IL MODO MIGLIORE PER PRENDERE UNA DECISIONE

Restiamo agli esempi della vita privata e della vita pubblica. C’è un momento nella vita di un genitore, o anche più momenti, nei quali bisogna sprigionare il massimo di autorevolezza. O il massimo di dolcezza. Sono fasi opposte, decisioni opposte, che hanno in comune una potenza fatta di sentimenti e non di calcoli. Un figlio che si droga con quali di questi due strumenti lo affrontiamo? E se volessimo provare ad alternarli, come potrebbe essere naturale, quale dovrebbe essere il criterio? Nessun algoritmo potrà fornirvi proposte decenti, mentre il vostro cuore vi porterà su una strada, speriamo giusta, con tutte le incognite insite nel meraviglioso, ma complicatissimo, mestiere di genitore.

Un uomo politico che prende decisioni solo sulla base della sua convenienza o dei sondaggi (due casi rispetto ai quali l’uso dell’algoritmo è più che sufficiente) farà anche una brillante carriera, ricoprirà importanti cariche, avrà potere, ma non lascerà un segno. E presto verrà dimenticato. Tutto il suo percorso si ridurrà, una volta riletto come il film di una vita pubblica, ai traguardi personali, effimeri, e privi della forza di contaminare gli altri e di modificare il corso degli eventi, la vera e più nobile missione della politica. Un politico con questi connotati, con questi limiti che ispirano le sue decisioni, lo riconoscete anche dallo sguardo e dall’atteggiamento. Vive la sua funzione strisciando i muri. Al contrario del politico che rischia, sfida anche l’impopolarità e prende continuamente decisioni non dettate da un algoritmo o da un sondaggio. Lui potrà anche perdere, ma certo non scomparirà nella spazio effimero di qualche attimo.

I PICCOLI GESTI CHE CI AIUTANO A VIVERE MEGLIO

L’importanza dell’empatia nel mondo dei distratti. Quando ascoltare significa non essere più soli

Ascoltare i bambini, 10 consigli per stare sempre in sintonia con loro

Annoiarsi serve: ai bambini sommersi dagli impegni e alle coppie che vogliono durare

Gentilezza per vivere meglio, lo hanno dimenticato anche gli inglesi. E rifiutano la coda

Shares