Questo sito contribuisce all'audience di

Colosseo chiuso: così l’Italia spreca cultura e turismo. Per cinque custodi

Il Museo più visitato del Paese non può aprire di notte, per un solo giorno, a causa di un singolare accordo sindacale. Il ministro alza le mani, il sottosegretario chiede qualche volontario dai servizi sociali, e l’Anfiteatro Flavio resta sprangato.

Condivisioni

COLOSSEO NOTTE DEI MUSEI 2014 – I musei italiani aprono per una notte e il più importante di tutti, il più visitato (5 milioni e 400mila persone l’anno), il Colosseo, resta chiuso. Una beffa. E una danno, per la capitale e per il Paese, di fronte al quale il ministro dei Beni Culturali, Dario Franceschini, non può fare altro che alzare le mani: «Non ho strumenti per intervenire, e posso solo lanciare un appello…». Già, un appello, cioè una resa che, da sola, dimostra quanto i nostri monumenti, a partire dai 420 musei statali, che tutti riempendosi la bocca definiscono “il più grande patrimonio nazionale”, in realtà sono in ostaggio di un corporativismo sfrenato e di una mancanza di organizzazione che mescola l’impotenza della politica e della pubblica amministrazione con uno straripante potere di veto dei sindacati, anche i più piccoli.

LEGGI ANCHE: Colosseo, sponsor e sprechi, così la burocrazia fa fuggire i privati. E la Bella Italia cade a pezzi…

LA NOTTE DEI MUSEI PER VALORIZZARE IL NOSTRO PATRIMONIO CULTURALE – La Notte dei Musei, il 17 Maggio, è un’occasione straordinaria, sprecata, non tanto per aprire i luoghi del Bello fuori dagli orari ordinari, in questo caso dalle 20 alle 24, ma quanto per avvicinare di più cittadini e turisti a ciò che rende unica l’Italia nel mondo e alla nostra storia.

POCHI CUSTODI, IL COLOSSEO RESTA CHIUSO DURANTE LA NOTTE DEI MUSEI – Il Colosseo resta fuori dalla partita solo perché un accordo sindacale, uno dei tanti accordi firmati dai rappresentanti dello Stato in ginocchio, prevede l’adesione volontaria di almeno un terzo dei dipendenti interni dell’Anfiteatro Flavio. E tra i custodi cinque volontari, solo cinque, pronti a lavorare fuori orario con relativi straordinari, non si trovano e non possono essere sostituiti. Un museo non è un’azienda, certo, ma chi ne ha la responsabilità, in questo caso il ministero dei Beni Culturali, deve anche avere il diritto-dovere di poterlo proteggere e valorizzare, come dice la legge, in condizioni normali, e non sotto il ricatto permanente del “qui comando io”. D’altra parte, il ministro Franceschini in pochi giorni ha fatto il bis in termini di resa di fronte all’inevitabile: già il Primo Maggio aveva tentato, inutilmente, di convincere le organizzazioni sindacali a consentire l’apertura del Colosseo.

COLOSSEO CHIUSO: UNO SPRECO PER CULTURA E TURISMO – E se al ministro va riconosciuta almeno la limpidezza della sua auto-denuncia di impotenza, altri commenti dal versante politico sembrano dettati su misura per trasformare lo scandalo di un Paese anormale in una barzelletta da Italia del bar dello Sport. Come le parole del sottosegretario alla Giustizia, Cosimo Ferri, che parte lancia in resta per chiedere di sostituire i custodi con i condannati ai lavori socialmente utili (ma in quale legge o in quale provvedimento amministrativo ha letto questa possibilità?), come il sindaco di Roma, Ignazio Marino, che volteggia con il pensiero aulico invocando il “sacrificio di cinque persone”. O come l’ex deputato  Stefano Pedica, membro della direzione regionale del Pd, che ne approfitta per fare uno spot gratuito al suo senso civico: «Sono pronto a fare il custode volontario».

Chissà, forse e nonostante tutto il Colosseo aprirà la notte del 17 maggio: ma il senso di vergogna, di avvilimento, che si prova di fronte a tanta scelleratezza, quello non si spegnerà, né di notte né di giorno.

PER APPROFONDIRE: Gli sprechi dei beni culturali in Italia, il bollettino catastrofico di Caserta e Pompei