Questo sito contribuisce all'audience di

Cassonetti intelligenti, arrivano i nuovi modelli in Piemonte e in Toscana. Si aprono con la smart card e sono anche telesorvegliati (foto)

I cassonetti saranno pienamente accessibili da chiunque e in qualsiasi momento, mentre il loro svuotamento sarà da definire in base alle necessità. Il nuovo sistema di differenziazione sarà attivo da aprile 2019

Condivisioni

CASSONETTI INTELLIGENTI

Torino si prepara a sperimentare i nuovissimi bidoni “smart” informatizzati e telecontrollati, già utilizzati in altre città italiane come La Spezia e Pisa, che sostituiranno il tradizionale porta a porta nelle aree più densamente popolate della città. Una svolta che consente di collocare i bidoni stradali sul suolo pubblico, anziché dentro i cortili dei condomini dove non c’è spazio per i bidoncini colorati, o dove la viabilità interna è di difficile accesso per i mezzi di raccolta, ma assegnandoli comunque a un determinato nucleo abitativo.

LEGGI ANCHE: Monopattini elettrici, Torino è la prima città italiana a sperimentare la grande novità dell’estate

CASSONETTI INTELLIGENTI TORINO

La distribuzione dei cassonettiintelligenti” partirà ad ottobre dal quartiere Lingotto e arriverà in quelle zone del quartiere non coperte dal porta a porta tradizionale. A marzo saranno distribuiti 120 bidoni stradali nel quadrilatero tra corso Traiano, corso Benedetto Croce, via Vigliani e corso Unione Sovietica, comprendendo una zona in cui risiedono 19.792 torinesi, con 8 mila abitanti per chilometro quadrato. Ma nel progetto di Amiat, presentato in Comune, il servizio “intelligente” sarà esteso anche ad altre zone per arrivare a coinvolgere 50-60 mila torinesi (su 889 mila). «Questa tecnologia potrebbe essere utilizzata per il centro storico, area per cui va trovata un’alternativa al porta a porta classico» – ha spiegato Gianluca Riu, ad di Amiat.

PER APPROFONDIRE: Raccolta differenziata porta a porta: il caos dei comuni in ordine sparso

ECO-ISOLE SMART

I bidoni smart saranno distribuiti nelle vie del basso Lingotto a gruppi di 4 e andranno a formare le cosiddette eco-isole smart. Tutte le 30 isole previste saranno dotate di serratura elettronica con sistema di identificazione dei conferimenti e con contenitori per organico, vetro, plastica e non recuperabile. Non ci sarà però il contenitore per la carta, la cui raccolta proseguirà con il servizio di Cartesio. Ogni residente o commerciante sarà dotato di una smart card, con la quale aprirà il bocchettone del bidone (che avrà inoltre una cellula che comunicherà il grado di riempimento) e ogni smart card sarà associata a un domicilio.

Inoltre, ogni chiave elettronica sarà valida per una sola eco-isola, assegnata alle utenze più vicine sulla stima dei rifiuti prodotti. Ciascun gruppo da 4 bidoni costerà ad Amiat 8-10 mila euro, cifra nettamente superiore a quella spesa per i bidoncini colorati. Ma non ci saranno costi aggiuntivi per il Comune: l’attivazione è compresa nei costi del contratto di servizio con la Città. Per alcuni residenti ci sarà il risparmio di non dover pagare qualcuno per portare i contenitori colorati dai cortili alla strada.

Ecco i maggiori vantaggi del nuovo sistema: il superamento dei limiti territoriali e logistici, una minore occupazione della proprietà privata e una maggiore responsabilizzazione degli utenti.

(Credits immagine di copertina: www.torinoggi.it)

LE MIGLIORI IDEE PER LA RACCOLTA DEI RIFIUTI:

  1. A Lucca i rifiuti non riciclabili hanno il chip, così chi spreca meno, paga meno tasse
  2. Cassonetti dei rifiuti dipinti dagli artisti, in concorso gARTbage. Una buona idea per curare la parte estetica della raccolta (foto)
  3. Recycled Park, il parco galleggiante in Olanda realizzato solo con il riciclo di rifiuti di plastica. Da ragazzi coraggiosi (foto)
  4. Jogging ecologico, il medico francese Lemonnier ha inventato la terapia della corsa con raccolta di rifiuti (foto)
  5. Keep clean and Run, la corsa (foto) contro i rifiuti che attraversa quattro regioni del Sud Italia