Questo sito contribuisce all'audience di

Aumenti delle bollette, il vero scandalo è che le Authority sui prezzi non servono a nulla

Dovrebbero tutelare i consumatori, ma in realtà coprono solo le spalle agli interessi dei fornitori. Molto potenti. E così ogni anno scatta la raffica di rincari per energia, gas, pedaggi autostradali. Con le famiglie lasciate sole.

Condivisioni

AUMENTI BOLLETTE LUCE E GAS

A ogni inizio anno, puntuale come una cartella esattoriale, arriva la stangata degli aumenti delle bollette. Luce: più 5 per cento. Gas: più 5,5 per cento. Pedaggi autostradali: un ritocco medio del 2,7 per cento, con punte fino al 13 per cento per percorsi come la Roma-L’Aquila e la Milano Serravalle. Quanto a capire la logica di questi aumenti, non provateci neanche, è tempo sprecato. Una volta ci vengono a dire che il petrolio è sceso ma gli oneri di sistema sono aumentati, in un’altra occasione ci parlano dei costi di rifornimento del gas, e sulle autostrade c’è sempre qualche spesa extra, per lavori in corso, da coprire.

LEGGI ANCHE: Tariffe “Tutto compreso” per smartphone e cellulari, la storia della truffa della fatturazione anticipata

AUMENTI DELLE BOLLETTE

Ma lo scandalo vero non sta negli aumenti. Le società che hanno in mano i rubinetti delle forniture e dei servizi, in fondo fanno il loro mestiere: provano a fare crescere ricavi e profitti. Il punto è che ci riescono sempre nello stesso modo, spremendo come limoni i consumatori che non hanno nessuno che davvero li difende laddove si decidono i prezzi di questo cosiddetto mercato regolato. Sulla carta, infatti, esistono fior di Authority, costosissime, con stipendi per commissari e dirigenti tra i più generosi d’Italia, che dovrebbero proprio “tutelare gli interessi di utenti e consumatori”.

Una bella sfilza di carrozzoni con tanto di mandarini di Stato pronti a recepire le indicazioni del lobbismo dei grandi gruppi. E questo vale per l’Authority dell’Energia, come per quella dei Trasporti; per l’Antitrust come per la Consob, specializzata, come abbiamo visto, nel lasciare soli i risparmiatori di fronte alle malefatte delle banche e impuniti i banchieri-bancari criminali e corrotti.

PER APPROFONDIRE: Risparmiatori truffati dalle banche, ma la Consob serve ancora a qualcosa?

RINCARI BOLLETTE LUCE E GAS

Dal 2011 la bolletta dell’energia elettrica è aumentata del 21,1 per cento, a fronte di un’inflazione, nello stesso periodo, cresciuta solo del 5,4 per cento, mentre per il gas sono raddoppiati i costi di infrastruttura e di vendita: dalle parti dell’Authority dell’energia c’è qualcuno che ha voglia di battere un colpo? Un silenzio-assenso, lo stesso che copre le ricorrenti malefatte dei gruppi telefonici a danno degli utenti.

Che dire? Mi sono convinto, numeri e documenti alla mano, che questi organismi di garanzia per le famiglie, a fronte dello strapotere delle società del settore, non servono a nulla. Se non a coprire le spalle agli stessi gruppi industriali. E i nostri politici nanetti invece di riempirsi la bocca ogni giorno con l’annuncio di qualche nuova riforma, farebbero bene a mettere in campo un tagliando per le Authority. Partendo da un presupposto: se devono sopravvivere, è venuta l’ora che inizino a occuparsi dei consumatori. Ai quali, per il momento, non resta che difendersi attraverso due sole strade. Il sostegno delle associazioni dei consumatori, che però sugli aumenti tariffari non possono fare molto, e i buoni stili di vita per ridurre sprechi e consumi energetici, sui quali ciascuno di noi invece può fare davvero tanto.

COME RISPARMIARE OGNI GIORNO CON LE BOLLETTE DI LUCE E GAS: