Questo sito contribuisce all'audience di

Alcatraz diventerà un parco fotovoltaico

di Posted on
Condivisioni

Il National Park Service ha annunciato il finanziamento del progetto che prevede l’installazione di 1360 moduli solari nell’Isola di Alcatraz

Lo storico penitenziario, rinomato per aver ospitato pericolosi criminali ed essere stato il “protagonista” di film famosi, cambia la sua reputazione e diventa un esempio da copiare. Alcatraz, oltre ad ospitare il museo espositivo di “the Rock” che ci racconta la storia del carcere, gia’ da tempo e’ diventato parco naturale grazie alla presenza di piscine d’acqua salata e giardini oltre ad essere tappa per colonie di uccelli migratori. Anche grazie a questo dobbiamo la conversione della prigione alle energie rinnovabili.
Il progetto prevede l’installazione dei moduli dopo la prossima primavera e si stima che forniranno dal 40 al 60% dell’energia elettrica dell’isola, rivalutando sia la tutela ambientale che l’aspetto economico: verranno infatti spenti i generatori diesel presenti con un risparmio di 700 mila dollari annui spesi per l’acquisto del carburante, oltre ad un guadagno in termini di salute con la riduzione dell’inquinamento atmosferico.
Il tutto sara’ finanziato grazie al programma d’incentivi promosso dal Presidente Barack Obama che proprio lo scorso anno ha devoluto 754 milioni di dollari al National Park Service; una parte dei proventi sono gia’ stati usati per la realizzazione di diversi progetti ambientali, il restante verra’ investito in altri 68 progetti oltre a quello previsto per il penitenziario in questione, tra questi ricordiamo l’installazione di impianti solari sugli edifici del Death Valley National Park e del Point Reyes National Seashore. Riguardo al progetto da avviare sull’isola, sede della famosa prigione, il sovraintendente Michael Feinstein, portavoce del Golden Gate National Recreationa Area, ha dichiarato: “Obiettivo a lungo termine per rendere Alcatraz completamente sostenibile e’ quello di utilizzare il 100% di fonti rinnovabili per il rifornimento energetico dell’isola”.