Questo sito contribuisce all'audience di

Bagni, docce, il barbiere e una lavanderia: le iniziative del Vaticano per i senzatetto

Servizi essenziali fortemente voluti dall'Elemosineria apostolica con l’obiettivo di restituire dignità alle persone oltre che per fornire un aiuto concreto a chi non ha più nulla. Solo assicurando ai senzatetto i servizi essenziali, è possibile aiutarli nel loro processo di reinserimento nella società.

Condivisioni

AIUTO AI SENZATETTO –

Ci siamo emozionati raccontandovi la storia di Mark Bustos, il giovanissimo parrucchiere di New York che ogni domenica, il suo giorno di riposo dal lavoro, si sposta per le strade della Grande Mela e dedica un pò del suo tempo ai senzatetto, offrendo loro un taglio di capelli o della barba. Un’iniziativa semplice ma importante in quanto a volte basta anche un piccolo cambiamento per aiutare una persona ad acquisire maggiore fiducia in sé stessa e migliorare così la sua giornata.

LEGGI ANCHE: La storia di Leo, da clochard a programmatore in un mese

DOCCE, BAGNI E BARBERIA PER I SENZATETTO AL VATICANO –

Una pratica virtuosa come quella fortemente voluta da Papa Francesco a Roma dove, accanto alle docce e ai bagni, alla barberia e al dormitorio collocati sotto il colonnato di San Pietro, ora i senzatetto della Capitale avranno a disposizione anche una lavanderia. Un servizio totalmente gratuito pensato per offrire ai più poveri la possibilità di lavare, asciugare e stirare i propri indumenti e le coperte che utilizzano per ripararsi dal freddo.

LAVANDERIA PER SENZATETTO ROMA –

Un’iniziativa portata avanti dall’Elemosineria apostolica con l’obiettivo di restituire dignità alle persone oltre che per fornire un aiuto concreto a chi non ha più nulla. Solo assicurando ai senzatetto i servizi essenziali, è possibile aiutarli nel loro processo di reinserimento nella società.

La “Lavanderia di Papa Francesco” si trova all’interno del “Centro Genti di Pace” della Comunità Sant’Egidio, presso il complesso ospedaliero del San Gallicano, in via San Gallicano 25. Sono sei le lavatrici e sei le asciugatrici con relativi ferri da stiro. Saranno i volontari a gestire la lavanderia: prossimamente, anche qui, come già accade a San Pietro, verranno previsti altri servizi di accoglienza e assistenza delle persone più povere tra cui un guardaroba, docce, ambulatori medici e di distribuzione di beni di prima necessità.

PER APPROFONDIRE: A Bollate, l’orto sociale per il reinserimento lavorativo dei senzatetto