Agricoltura etica No Cap - Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

No Cap, il pomodoro etico di un giovane del ragusano che combatte l’illegalità

L'azienda agricola "La Vita Bio" ha ricevuto la certificazione etica No Cap: nessun lavoratore è irregolare, impiegato in condizioni di semischiavitù o sotto-salario, grazie al coraggio di esporsi del suo giovane titolare, Nicola Arena. In un territorio in cui l'agricoltura è spesso sotto scacco delle mafie

Chiaramonte Gulfi è un piccolo paese di ottomila anime nel ragusano, uno dei tanti comuni del Mezzogiorno basato prevalentemente su agricoltura, olivicoltura e viticoltura, al punto che persino nel portale ufficiale del Comune si legge la dicitura di “città dell’olio”. Non è raro che, nell’indifferenza delle istituzioni e nel silenzio complice di una filiera troppo spesso senza controllo, si verifichino casi di semi-schiavitù dei lavoratori del settore, o di vere e proprie forme di capolarato.

LEGGI ANCHE: Goel, agricoltura bio, turismo e moda per creare un’alternativa alla ‘ndrangheta

AGRICOLTURA ETICA NO CAP

Proprio in questo comune in provincia di Ragusa, invece, che si è ribadito con forza il no allo sfruttamento, seconda tappa (dopo la Puglia) di una rete che intende raggruppare tutte le aziende agricole etiche, che non ricorrono a lavoratori e lavoratrici irregolari, o peggio, sfruttati. Fautore di questa rivoluzione è Nicola Arena, un giovane imprenditore che ha dedicato la vita alla produzione di pomodori datterini, ciliegini e pomodorini gialli, seguendo i metodi dell’agricoltura sia tradizionale che biologica, con due linee di conserve, salse, sughi e pesti. Fieramente legata alla propria sicilianità, della quale fa  un segno distintivo, l’azienda La Vita Bio ha deciso immediatamente di aderire alla Campagna No Cap, che punta a consorziare ogni azienda agricola che rifiuti capolarato, lavoro nero e qualsiasi forma di schiavitù del lavoro nei campi.

Chi aderisce alla campagna promossa dall’omonima associazione  fondata da fondato da Yvan Sagnet e dalla Rete per la Terra, come ha fatto Nicola, riceve un vero e proprio bollino che attesta l’eticità dell’azienda e il rispetto dei diritti dei lavoratori impiegati nella filiera di produzione del prodotto a marchio No Cap, che sta per No Caporali.
Tra i criteri per ottenerlo, in primis c’è l’etica del lavoro, che deve essere pienamente rispettata, con lavoratori e lavoratrici in regola con salari non da fame. Ma anche la filiera corta, un approccio di riduzione degli sprechi, la decarbonizzazione, come vengono trattati gli animali e la tipologia di prodotto in sé, che deve rappresentare un alto valore aggiunto.  

Così, per esempio, le salse e le conserve de La Vita Bio sono salse etiche certificate: Nicola, cogliendo al balzo la normativa sulla regolarizzazione dei braccianti, ha messo in regola tutti i suoi lavoranti, continuando la sua attività nel pieno rispetto della legalità, sottraendo, così, zone d’ombra e sacche di lavoro nero al controllo delle mafie e dell’illegalità. 

«Il progetto NoCap – spiega il titolare dell’azienda in un’intervista al portale Fresh Plaza – mira a contrastare il caporalato e, in generale, il lavoro irregolare nel settore agricolo, garantendo ai produttori un prezzo giusto per i loro prodotti e ai lavoratori l’applicazione dei contratti collettivi del lavoro. In questa fase sperimentale, il progetto NoCap è attivo in tre aree d’Italia: in Capitanata (Puglia), dove si raccolgono pomodori che si trasformano in conserve (pelati e passate), nel Metapontino (Basilicata) in cui un centinaio di lavoratori raccolgono e confezionano prodotti freschi tra frutta e orticole e nel Ragusano (Sicilia), dove una quarantina di lavoratori coltivano alcune varietà di pomodoro locale».

agricoltura etica no cap

PER APPROFONDIRE: Turismo sostenibile: in Sicilia la cooperativa Fiori di campo, bene confiscato alla mafia

AZIENDA AGRICOLA LA VITA BIO

Il tipo di imprenditore di cui l’agricoltura del paese ha bisogno, che si espone in prima persona per lottare contro caporalato e criminalità, troppo spesso presenti in un territorio, come il ragusano, ma più in generale il Mezzogiorno, in cui mafie, lavoro nero sotto salario e addirittura ricatti e violenze sulle lavoratrici sembrano essere la norma. E se si pensa al caporalato e alla schiavitù come superati o inesistenti, forse si dovrebbero osservare con attenzione le cifre del fenomeno, esposte nel quarto rapporto Agromafie e Caporalato dell’Osservatorio Placido Rizzotto della Flai-Cgil che è stato presentato lo scorso luglio.

Ancora oggi, purtroppo, sonon in 400mila i lavoratori agricoli a rischio, il cui 28 per cento è rappresentato da migranti e persone in condizione di svantaggio, che ricevono una retribuzione assai inferiore alla media nazionale: uno scandalo economico e morale. Il business del lavoro irregolare e del caporalato in agricoltura vale quasi 5 miliardi di euro, coin un tasso di irregolarità  pari al 39,9%, togliendo alle casse dello stato, in termini di evasione contributiva di quasi 2 miliardi di euro.

La rete delle aziende etiche, invece, cresce. Non solo per quanto riguarda le adesioni, ma anche e soprattutto il volume d’affari. Il marchio de La Vita Bio, infatti, cresce del 30% ed è presente nella Gdo estera tra Austria, Svizzera e Germania, ma anche di Danimarca e Giappone.

(Immagini in evidenza e a corredo del testo tratte dalla pagina Facebook di No Cap)

STORIE DI LOTTA ALLE MAFIE:

 

Shares