Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Obsolescenza programmata: beni progettati per scadere subito dopo la garanzia

In via di progettazione, gli ingegneri che creano le cose, possono decidere la loro durata. Più o meno un paio d'anni, il tempo per far scadere la garanzia: questo processo si chiama obsolescenza programmata.

di Posted on
Condivisioni

COS’È L’OBSOLESCENZA PROGRAMMATA –

Adesso che in alcuni paesi, come in Francia, è un reato, possiamo capire meglio che cosa è e come funziona l’obsolescenza programmata, un diabolico meccanismo che danneggia i consumatori inconsapevoli di questo procedimento.

Perché quando si rompe la parte di un oggetto è più conveniente ricomprarlo che sostituire il pezzo rotto? Perchè dopo qualche mese dall’acquisto, il cellulare diventa un dinosauro tecnologico? In via di progettazione, gli ingegneri che creano le cose, possono decidere la loro durata. Più o meno un paio d’anni, il tempo per far scadere la garanzia: questo processo si chiama obsolescenza programmata.

LEGGI ANCHE: Elettrodomestici che durano sempre meno, la vita di una tv passa da 9 a 5 anni

OBSOLESCENZA PROGRAMMATA ELETTRODOMESTICI –

Progettare gli oggetti inserendo parti che possono usurarsi facilmente e non fornire i pezzi di ricambio è uno dei modi con cui operano i fautori dell’obsolescenza. L’altro sistema è la pubblicità che crea bisogni indotti, che incentiva le persone a disfarsi del “vecchio modello” per passare ad uno nuovo. Via dunque all’uscita di dispositivi tecnologici con software più aggiornati, più piccoli in formato tascabile, più grandi per essere fruiti più facilmente a seconda del pubblico per il quale vengono creati.

L’illusione di possedere il meglio ci spinge a disfarci del vecchio per passare al nuovo, della marca meno conosciuta in favore di quella più cool.

Ma quanto costa tutto questo in termini economici ed ambientali?

SPRECHI OBSOLESCENZA PROGRAMMATA –

Innanzitutto lo spreco è enorme: moltissimi elettrodomestici o prodotti tecnologici, ancora funzionati, vengono immessi nelle discariche per essere smaltiti o, più tristemente, gettati ai lati di strade secondarie. Dopodichè lo spreco economico di questo processo è inostenibile. Non è davvero possibile che cambiare un pezzo arrugginito della lavatrice costi più della lavatrice stessa, che la rottura del vetro dello smarthphone costi più del telefono stesso.

PER APPROFONDIRE: Economia circolare, un mondo senza sprechi. Tutto si può riusare, con grandi risparmi