Come risparmiare sulla manutenzione auto | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Quanto costa mantenere una macchina?

Più di 3mila euro all'anno, secondo i calcoli aggiornati di Assoutenti. Siamo il paese più caro d'Europa per gli automobilisti. Come risparmiare.

Benzina, assicurazione, parcheggio, bollo, tagliando di revisione, cambio delle gomme: quanto costa mantenere un’automobile in Italia? Le cifre, ovviamente sono variabili, ma finalmente abbiamo una stima mediana, molto indicativa e attendibile che possiamo prendere come punto di riferimento.

QUANTO COSTA MANTENERE UN’AUTOMOBILE IN ITALIA

Secondo i calcoli fatti da Assoutenti, voce per voce, un automobilista italiano spende, mediamente 3.361 euro all’anno. Laddove una quota importante di questa spesa è rappresentata dal costo della benzina, continuamente in aumento.I calcoli di Assoutenti sono questi: pedaggi parchimetri 110 euro all’anno; bollo e revisione 240 euro; carburante 2 mila euro; assicurazione 500 euro; manutenzione 390 euro; pezzi di ricambio (compresi olio e gomme) 250 euro.

COSTO ASSICURAZIONE AUTO

Ma la variabile più fluttuante, tra i costi per avere un’automobile in Italia, resta quella della polizza. Specie la copertura in caso di furto, che oscilla enormemente, per esempio tra le regione del Nord (dove il costo è più basso) e quelle del Sud (dove i premi da pagare volano). Sulla base di questo presupposto, la società olandese Lease Plan ha calcolato il Car Cost Index. Arrivando alla conclusione che laddove le polizze sono molto costose,  la spesa mensile di un’automobile in Italia arriva anche a 600 euro al mese. Cifra di fronte alla quale ciascun automobilista è bene che si faccia i suoi conti. E decida se conviene possedere l’auto o piuttosto fare un contratto di noleggio o anche usarla con il car sharing.

COME RISPARMIARE SULLA MANUTENZIONE AUTO

L’officina più conveniente d’Italia? È la Salvò Assistance di Albignasego, in provincia di Padova. È quanto emerge dal Rapporto Riparazioni di RiparAutOnline.com, il portale che fa parte di I3P l’incubatore del Politecnico di Torino, che permette agli utenti di richiedere e confrontare online preventivi per la riparazione e manutenzione del proprio veicolo.

La ricetta del suo successo è composta da diversi ingredienti: innanzitutto, il fatto di pagare tutto e subito, di ordinare grandi quantitativi di merce ai fornitori, grazie a importanti commesse, e soprattutto di aver capito come usare internet al meglio, anche in officina.

PER APPROFONDIRE: La benzina con lo sconto, dove si trovano le pompe bianche

Il libretto di circolazione, ad esempio, se viene spedito dai clienti direttamente via Whatsapp «e attraverso internet ci raggiungono da ogni provincia veneta, quando vedono che i nostri prezzi sono concorrenziali – ha dichiarato il titolare Luca Salvò a Il Mattino di Padova –. Abbiamo iniziato l’anno scorso il servizio di cambio dei cristalli e ci sono giunti clienti persino da Venezia e da Rovigo, perché ci avevano trovato in internet. Online ci arrivano pure i preventivi e siamo anche noi a richiederli ai diversi fornitori sparsi in giro per l’Italia».

Dalla ricerca di RiparAutOnline, è risultato che è proprio la Salvò Assistance ad avere offerto il prezzo più basso in assoluto in tutta Italia per la riparazione più ricercata del 2014, e cioè la sostituzione del kit di distribuzione (cinghia di distribuzione, cuscinetti, tenditore e pompa dell’acqua). Per una Ford Focus ha chiesto 150 euro, 242 in meno rispetto al prezzo medio (392 euro), aggiudicandosi il titolo di officina più economica di tutto il Paese.

Grazie ai preventivi online, il sito ha permesso ai suoi utenti di risparmiare oltre un milione di euro in un anno, il doppio rispetto all’anno precedente, con una media di risparmio di 40 euro a intervento.

LEGGI ANCHE: Come risparmiare benzina in auto

Share

<