Questo sito contribuisce alla audience di

L’ecoforno, un metodo di cottura che elimina gli sprechi e fa risparmiare tempo

Una pratica antichissima sulla base della quale Gabriella ha realizzato “Prometea”, uno speciale sacchetto che permette di cuocere le pietanze in maniera molto lenta consentendo agli alimenti di conservare intatte tutte le diverse proprietà nutritive.

di
Condivisioni

ECOFORNO -

Un forno “naturale”, senza consumo di gas o di elettricità, riprendendo antiche abitudini della nostra cucina. È questa l’idea originale di Gabriella Zevi che ha riscoperto l’“Ecoforno”, ossia un metodo antico di preparazione degli alimenti, che serve a “cucinare a fuoco spento”.

CUCINARE A FUOCO SPENTO DI GABRIELLA  ZEVI -

Una pratica antichissima sulla base della quale Gabriella ha realizzato “Prometea”, uno speciale e morbido contenitore di feltro di lana 100 per cento rivestito di puro cotone che, grazie alla proprietà del feltro di preservare il calore, permette di cuocere le pietanze, dopo averle inizialmente portate a temperatura, in maniera lenta consentendo agli alimenti di conservare intatte tutte le diverse proprietà nutritive.

Un metodo di cottura che permette inoltre di risparmiare tempo utile da impiegare in altre attività e ridurre il consumo di energia.

COME FUNZIONA L’ECOFORNO PROMETEA -

Dopo aver cotto il cibo per circa 10-15 minuti, è sufficiente spegnere il gas, chiudere la pentola con il coperchio, riporla nell’ecoforno, chiudere bene i quattro lembi e aspettare che il cibo si cuocia da solo, a fuoco spento.

(L’immagine di copertina è tratta dalla pagina Facebook dedicata al progetto Ecoforno Prometea)

COME RISPARMIARE ENERGIA CON GLI ELETTRODOMESTICI

Quali sono gli elettrodomestici che consumano di più? La classifica e come si risparmia in bolletta

Elettrodomestici, come utilizzarli in modo alternativo ed efficace

Come usare al meglio il frigorifero senza sprechi. Così il consumo di energia si dimezza

Lavatrice, ecco come farla funzionare meglio senza inutili sprechi di energia

 

   

LEGGI ANCHE: