Come usare correttamente la lavastoviglie: 10 consigli per non sprecare energia, acqua e tempo

Come usare correttamente la lavastoviglie: 10 consigli per non sprecare energia, acqua e tempo
di
Condivisioni

COME USARE CORRETTAMENTE LA LAVASTOVIGLIE -

Trattarla bene, nel senso di fare un’adeguata prevenzione (per esempio aggiungendo sempre del sale nel contenitore per prevenire la formazione del calcare); ricordare bene come è possibile consumare meno elettricità durante il suo funzionamento; acquistare i modelli più efficienti (classe A+++ o A++) che scaldano l’acqua a temperatura minima: attorno a questi tre perni si costruisce la lunga vita della lavastoviglie. E anche un importante risparmio in bolletta abbinato alla riduzione degli sprechi di acqua e di energia.

Senza dubbio tra gli elettrodomestici più utilizzati in cucina, la lavastoviglie è anche quello che comporta il maggior costo d’utilizzo in termini di energia elettrica. Eppure basta poco per adoperare la lavastoviglie in maniera intelligente, senza sprechi. Ecco alcuni consigli utili per risparmiare energia e ridurre i consumi in modo consistente.

LEGGI ANCHE: Come risparmiare gas quando cuciniamo

1 - La lavastoviglie consuma, in media, 2-2,5 kWh. Un consumo che si può azzerare, scegliendo di non averla e lavando le stoviglie a mano. Fate a meno della lavastoviglie se in famiglia siete in due o tre persone e non cucinate spesso.

2 - Se invece non riuscite a farne a meno, al momento dell’acquisto scegliete tra le lavastoviglie più recenti di classe A+ o superiore (sono quelle che consumano meno energia e meno acqua). Sceglietela inoltre della capienza più adatta alle esigenze della vostra famiglia e collegatela direttamente alla tubatura dell’acqua calda.

3 – Usate la lavastoviglie sempre a pieno carico: risparmierete acqua ed energia.

4 - Evitate il prelavaggio, le stoviglie si possono risciacquare prima sotto il rubinetto (senza esagerare con l’acqua, però).

5 - Preferite lavaggi rapidi a freddo o selezionate il programma “economico”. Ricordate che 45° sono più che sufficienti per un lavaggio adeguato e una temperatura maggiore rappresenta solo un’inutile spreco di energia, a meno che non si tratti di stoviglie particolarmente sporche.

6 - Eliminate l’asciugatura con aria calda: basta aprire lo sportello alla fine del lavaggio quando le stoviglie sono ancora calde per asciugarle. Diminuirete così il ciclo di 15 minuti e risparmierete ben il 45 per cento di energia. In alternativa, adoperate il dispositivo di asciugatura ad aria fredda.

7 - Pulite frequentemente il filtro e aggiungete con regolarità il sale (anche quello grosso da cucina) nel contenitore apposito per prevenire la formazione di calcare e garantire così una vita più lunga al vostro apparecchio.

8 - Prima di mettere i piatti e le pentole in lavastoviglie, date una sciacquata e ripassateli con un pezzo di carta, ottima quella di giornale, in modo da sgrassarli un pò. Questo permetterà di evitare i cattivi odori e di avviare la lavapiatti solo quando sarà a pieno carico.

9 - Non esagerate con la quantità di detersivo e se lo sporco non è incrostato, utilizzate la funzione “eco” che riduce del 25 per cento la durata dei lavaggi base.

10 - Se la padella con cui avete cucinato la frittata è molto sporca non sottoponetela a lavaggi intensivi in lavastoviglie. Lasciatela invece qualche ora in ammollo. Un consiglio: usate l’acqua di cottura della pasta, l’amido è un ottimo sgrassante naturale.

COME RISPARMIARE CON GLI ALTRI ELETTRODOMESTICI: