Questo sito contribuisce all'audience di

Uova contaminate, diversi casi in Italia. Ma il ministro non diceva che siamo al sicuro?

Sequestri in Lombardia, Marche, Campania, Lazio: non è vero quindi, come aveva dichiarato Beatrice Lorenzin, che l'Italia è estranea al gravissimo allarme alimentare per le uova al Finopril. Solo ad Ancona ne sono state sequestrate quasi 100mila

di Posted on
Condivisioni

UOVA CONTAMINATE

Lo scandalo e l’allarme si allargano anche in Italia. Esattamente il contrario di quello che aveva dichiarato la ministra della Salute, Beatrice Lorenzin, quando è esploso il caso delle uova contaminate dal Finopril, l’insetticida che colpisce il sistema nervoso, un vero veleno a lenta attività di azione. Sempre con l’ansia di parlare, senza pensarci bene prima, la Lorenzin aveva detto che l’Italia è al riparo dal nuovo allarme alimentare che ha coinvolto diversi paesi europei (in tutto ben 17), dalla Francia all’Olanda, dalla Germania al Belgio.

LEGGI ANCHE: Divieto uso del glifosato: l’Italia più avanti dell’Europa. Ma non basta…

UOVA CONTAMINATE INSETTICIDA

I fatti dicono esattamente il contrario e in Italia si sono moltiplicati i casi di contaminazione accertata delle uova da Finopril. Non solo delle uova, ma anche della pasta fresca made in Italy. Uova contaminate, infatti, sono state trovate in Campania, e in ben due centri di imballaggio a Benevento e Sant’Anastasia. Ma anche a Roma, Viterbo, in Lombardia e nelle Marche.

CIBI RISCHIOSI PER LA SALUTE

Soltanto ad Ancora, per dere un’idea della gravità della situazione sono state sequestrate quasi 100mila uova a rischio. E adesso finalmente, sempre il senno di poi, i controlli del nas sono diventati a tappeto in tutte le regioni. Mentre si accerta tutta la verità, resta una domanda: ma la ministra Lorenzin non poteva respirare un attimo e informarsi bene prima di parlare con tanta sicurezza? 

TUTTE LE GAFFE DEL MINISTRO LORENZIN

Test di Medicina inutili: perché il ministro Lorenzin ha cambiato idea?

Vaccini obbligatori nelle scuole, perché drammatizzare e alimentare paure?

Sanità costosa, sprecona e inefficiente: così 10 milioni di italiani vi rinunciano

Fertility Day, la campagna non convince. Ma l’Italia ha bisogno di figli, tanti figli (foto)