Questo sito contribuisce all'audience di

Trasformare un villaggio abbandonato in un centro accoglienza. La battaglia di Isabella, l’unica abitante rimasta a Santa Chiara

Questa donna di 88 anni è sola dal 1997, anno in cui la Società Elettrica Sarda, che aveva sede nella frazione di Ula Tirso in provincia di Oristano, ha chiuso. Un evento che ha spinto le famiglie degli operai ad andarsene dal villaggio, che oggi è praticamente deserto. L’unica che proprio non se ne vuole andare è Isabella che sogna di far rinascere il centro abitato

Condivisioni

UNICA ABITANTE DI SANTA CHIARA

Da villaggio fantasma a luogo di rinascita. Isabella Flore, 88 anni, è l’unica abitante di Santa Chiara, una frazione di Una Tirso in provincia di Oristano, che dal 1997 è praticamente disabitato. Questa anziana signora, infatti, è la sola ad essersi ostinata a rimanere rifiutandosi di abbandonare le proprie origini e la valanga di ricordi di cui è intriso il suo villaggio.Una scelta coraggiosa che in questi ultimi anni, come ha raccontato alla Nuova Sardegna, l’ha spinta a intraprendere una ‘battaglia’ nel tentativo di far rinascere Santa Chiara.

LEGGI ANCHE: Borghi, aperta la corsa per rilanciarli. Bonus, donazioni, tagli fiscali e progetti Fai. Tutto per farli tornare a vivere (foto)

RIPOPOLARE I VILLAGI ABBANDONATI

A parte alcuni anni vissuti nella penisola, il resto della sua esistenza Isabella lo ha trascorso in questo villaggio. La famiglia Flore è arrivata in questo paese dell’entroterra sardo tantissimi anni fa, quando il padre di Isabella si è occupato nella costruzione della diga, che poi ha originato il lago Omodeo. In quei tempi Santa Chiara era un villaggio vivace, abitato dalle famiglie dei lavoratori, che però, una volta perso il posto progressivamente hanno deciso di andare a trovare fortuna altrove. Oggi, però, Isabella sogna di poter invertire la tendenza e trasformare questo villaggio fantasma in un luogo dove donne e bambini abusati possano ritrovare pace e serenità. Da qualche anno, infatti, la 88enne ha creato una Onlus e ha raccolto tutti i documenti necessari che ha inoltrato ad Enel, proprietaria degli stabili della frazione di Ula Tirso. L’obiettivo è ricevere il benestare per avviare un centro di accoglienza che possa far rinascere Santa Chiara e, allo stesso tempo, aiutare persone che hanno avuto esperienze di vita molto negative ad uscire fuori dal tunnel. Per ora, però, Isabella non ha ancora ricevuto risposta.

VILLAGI DISABITATI

Mentre le risposte tardano ad arrivare, gli edifici diventano sempre più fatiscenti, gravati dal tempo che passa e dalla mancata manutenzione. Isabella, però, non demorde e nonostante l’età avanzata continua la sua battaglia, intenzionata a far sopravvivere la memoria storica di questo territorio. Una missione che cerca di portare avanti anche attraverso il museo della diga, che ospita molti documenti risalenti all’epoca in cui l’opera, avanzatissima a livello ingegneristico per l’epoca, è stata costruita.

COME PRESERVARE I PICCOLI BORGHI:

  1. Salvare i borghi, dopo la legge servono i soldi dei privati. Si facciano avanti, e non solo a parole…
  2. Un progetto fotografico itinerante per salvare i borghi dell’entroterra sardo (Foto)
  3. Piccoli borghi, la lezione cilena (foto). Li salvano vecchi artigiani e giovani imprenditori
  4. L’Italia dei borghi, un patrimonio da salvare. E una meta perfetta per le vacanze di Pasqua