Treno a idrogeno: si produce anche in Italia e arriva in Lombardia
Questo sito contribuisce all'audience di

Treno a idrogeno: si produce anche in Italia e arriva su alcune linee della Lombardia

Il marchio è quello della multinazionale francese Alstom, che ha tre stabilimenti nel nostro Paese. A comprarli, per il momento, ci pensa Ferrovie Nord Milano. Ma è solo l’inizio

di Posted on

Dopo la Francia e la Germania, tocca all’Italia. Via ai vecchi e inquinanti treni a diesel e largo ai nuovi treni a idrogeno a impatto zero, e con una tecnologia che potrebbe rivoluzionare il trasporto su ferro, almeno nelle tratte brevi. Il progetto è firmato dalla multinazionale francese Alstom, che ha ben tre stabilimenti in Italia: a Savigliano, in provincia di Cuneo; a Sesto San Giovanni, in provincia di Milano; e Bologna.

TRENI A IDROGENO IN ITALIA

Alstom in Italia produce treni da 160 anni, ai quali si aggiungono sistemi di segnalamento e di trazione. Dai suoi stabilimenti italiani sono arrivati treni regionali, ma anche il famoso Pendolino, e adesso tocca al treno a idrogeno, il cui nome di battesimo è Coradia iLint. Il funzionamento di questo piccolo gioiello della tecnologia applicata alla sostenibilità è abbastanza semplice. L’idrogeno viene immagazzinato in un serbatoio, e poi trasformato in energia elettrica da una cella combustibile che alimenta un motore elettrico.

LEGGI ANCHE: Case costruite con gli scarti del riso

TRENO CORADIA  ILINT

I treni a idrogeno della Alstom sono stati ordinati, per il momento, dalla società Ferrovie Nord Milano (FNM), azienda paritetica della Regione Lombardia e di Trenitalia. Le caratteristiche di questi vagoni sono ideali per le tratte minori, e infatti andranno a viaggiare in Valcamonica e lungo la linea Brescia-Iseo-Edolo. Le caratteristiche tecniche sono molto interessanti. Il treno raggiunge una velocità di 140 chilometri, senza produrre alcune emissione e CO2: di fatto, sostituisce le emissioni prodotte da 400 auto a diesel.

ALSTOM E SNAM

I francesi della Alstom e gli italiani della Snam hanno siglato un accordo molto importante per condividere un percorso di sviluppo industriale proprio sulla mobilità che utilizza l’idrogeno. L’accordo prevede che Alstom si farà carico della fornitura e della manutenzione dei treni, mentre Snam curerà l’infrastruttura per la produzione, il trasporto e il rifornimento dell’idrogeno.

La foto di copertina è tratta da sito di Alstom.

“Alstom” è candidato al Premio Non Sprecare 2021, nella sezione “Aziende”. Per candidare i vostri progetti, seguite le istruzioni fornite qui.

ALCUNI DEI CANDIDATI AL PREMIO NON SPRECARE 2021:

Share

<