Sofia Righetti | Nonsprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Sofia Righetti: disabile da quando aveva cinque mesi, è diventata modella, cantante e attivista

Una storia incredibile: un errore medico sembra segnare il destino di una bellissima ragazza. Che invece reagisce e trasforma la sua vita in una sequenza di passioni e di avventure

Ultimo aggiornamento il 29.12.2021 alle 17:14

La sua battaglia: non nascondere la disabilità. Anzi. Fare in modo che le donne disabili riescano a valorizzare i loro corpi e le loro qualità, ovunque sia possibile. Anche nell’universo dei media, nei gironi della moda, in televisione: luoghi dove spesso regna sovrano il cinismo, anche mascherato da peloso buonismo. Sofia Righetti è un’attivista per i diritti delle donne con disabilità.

SOFIA RIGHETTI

Sul suo sito si presenta così: Classe 1988, vegana, attivista per i diritti animali e umani. Nel 2014 è stata campionessa italiana di sci alpino paralimpico e nel frattempo ha lavorato come speaker, modella e cantante. La sua vita cambia quando ha appena cinque mesi. Nata a Negrar, in provincia di Verona, ancora in fasce le viene diagnosticata una cardiopatia congenita. Bisogna intervenire, e purtroppo l’equipe sbaglia l’operazione, sopraggiunge un’ischemia spinale: Sofia ha una lesione al midollo e perde l’uso delle gambe.

LEGGI ANCHE: Daniele Cassioli, il più grande sciatore paralimpico di sempre. Cieco dalla nascita, ha vinto di tutto nello sci nautico

SOFIA RIGHETTI INCIDENTE

Dopo l’incidente e fino a 12 anni, Sofia cammina con i tutori, ma è una ragazza che non sembra soffrire. Bellissima, sorridente, solare, sana fisicamente, reagisce in modo naturale. Finita la scuola, si trasferisce a Bologna dove si laurea con il massimo dei voti in Filosofia della medicina e Filosofia del diritto, specializzandosi in Feminist disability studies, una nuova frontiera della battaglia per i diritti delle donne.

SOFIA RIGHETTI ABILISMO

Al centro della sua azione, Sofia mette «l’abilismo», ovvero il sistema di potere che discrimina le persone disabili cercando di farle adeguare al concetto di «abilità». Spiega Sofia: «Stiamo riuscendo a rovesciare il paradigma. Oggi è la società a essere svantaggiata se non riesce a essere inclusiva. E in questo senso abbattere qualsiasi barriera sensoriale e architettonica diventa una lotta per la giustizia sociale, non una questione di sensibilità». Per il momento, grazie alla campagna di Sofia Righetti il termine «abilismo» è entrato nel linguaggio corrente e l’enciclopedia Treccani l’ha inserito tra i neologismi.

PER APPROFONDIRE: Nadia lotta contro l’epilessia coltivando la sua passione di sempre: la pallavolo

SOFIA RIGHETTI STORIA

Intanto la storia di Sofia Righetti ha un’altra svolta. La sua energia, mai domata, le consente di coltivare con la massima soddisfazione la sua principale passione: la musica rock and roll. La giovane donna entra in diversi gruppi, fino a quando non crea la band Vodka4 Breakfast, che gira il mondo per fare concerti. Allo stesso tempo Sofia diventa modella, speaker televisiva. E innanzitutto relatrice e formatrice in progetti legati alla sua battaglia di civiltà nelle scuole, nelle università e nelle aziende.

Le immagini sono tratte dalla pagina Facebook di Sofia Righetti

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato. Clicca qui!

LE STORIE DI CHI NON SI ARRENDE ALLE DIFFICOLTÀ DELLA VITA:

 

Share

<