Smog nelle città italiane nel 2020: Torino la peggiore - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Smog nel 2020, 35 città fuorilegge per le polveri sottili. Torino la peggiore

Il capoluogo piemontese ha sforato i limiti quotidiani di Pm10 per 98 giorni durante lo scorso anno. Sul podio delle più inquinate ci sono anche Venezia e Padova

Le chiusure e il crollo del traffico a causa delle misure per contrastare la pandemia di covid-19 hanno contribuito a rendere le nostre città meno inquinate ma non abbastanza. È quanto emerge dal report annuale “Mal’aria di città 2021” di Legambiente secondo cui nel 2020 35 i capoluoghi di provincia sono risultati essere fuorilegge per le polveri sottili Pm10. La maglia nera spetta a Torino che, per 98 giorni, ha sforato i limiti quotidiani.

SMOG CITTÀ ITALIANE 2020

La legislazione europea prevede che non si vada oltre 40 microgrammi per metro cubo per 35 giorni all’anno. Ampiamente oltre questa soglia ci sono anche Venezia (88 giorni) e Padova (84). Al centro sud il primato negativo va ad Avellino (78) e Frosinone (77). Anche in tempo di pandemia in Italia, sottolinea Legambiente, “l’emergenza smog non si arresta e si cronicizza sempre di più”. Ragione per la quale “servono misure più coraggiose e concrete a partire da mobilità sostenibile e uso dello spazio pubblico per avere più clean city, città pulite e più vivibili. Non si sprechino le risorse economiche in arrivo dall’Europa”.

LEGGI ANCHE: Covid-19 e inquinamento, il 15 per cento dei morti italiani per il virus sono legati al fattore smog

SMOG TORINO

Il report annuale “Mal’aria di città 2021” ha analizzato 96 capoluoghi di provincia. In ben 35 di questi almeno una centralina ha superato il limite previsto per le polveri sottili (Pm10) oltre la soglia dei 35 giorni nell’anno solare, con una media giornaliera superiore ai 50 microgrammi/metro cubo. Tra le prime dieci città più inquinate, oltre a Torino, Venezia e Padova, ci sono: Rovigo (83 giorni), Treviso (80), Milano (79), Avellino e Cremona (78) Frosinone (77), Modena e Vicenza (75).

PM10 CITTÀ ITALIANE

La necessità di porre un freno allo smog, oltre ad evitare gli effetti nefasti del riscaldamento globale, ha a che fare anche con la nostra salute. Secondo i dati dell’Agenzia europea dell’Ambiente (Eea), ogni anno sono oltre 50mila le morti premature dovute all’esposizione eccessiva ad inquinanti atmosferici con spese di diverse decine di miliardi all’anno, stimate tra i 47 e i 142 miliardi di euro.

CORONAVIRUS E INQUINAMENTO AMBIENTALE, COSA SAPERE:

Share

<