“A Ruota Libera”, la guida di Pisa per il turismo a piedi e a misura di disabili | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

“A Ruota Libera”, la guida di Pisa per il turismo a piedi e a misura di disabili

Dopo Firenze, anche Pisa e Lucca si uniscono al progetto che prevede itinerari a piedi a misura delle persone con difficoltà. In tempo per Expo 2015 sarà pronta anche la guida della città di Milano

di Posted on
Condivisioni

A RUOTA LIBERA –

Nasce a Pisa un progetto per il turismo sostenibile, a piedi, e dedicato anche e soprattutto alle persone disabili. “A Ruota Libera” è pensato per persone con difficoltà motoria e finanziato dalla Fondazione Cesare Serono. Si tratta di una guida al turismo di Pisa, completa di itinerari, finalizzata ad apprezzare le bellezze della città toscana: è in via di realizzazione grazie alla collaborazione con le amministrazioni comunali delle città d’arte toscane.

ITINERARI PISA –

La guida descrive un itinerario che tocca i siti accessibili anche a chi ha problemi con scale, strade sconnesse e mezzi pubblici non sempre adeguati; è stata presentata lo scorso 15 dicembre a Palazzo Gambacorti con l’assessore al Sociale del Comune di Pisa e presidente della Società della Salute, Sandra Capuzzi, e Gianfranco Conti, direttore generale della Fondazione Cesare Serono, promotrice e finanziatrice del progetto. Nella città è stato identificato e descritto un itinerario che percorso a piedi non presenta ostacoli per chi si muove con difficoltà. Complessivamente congiunge 8 punti d’interesse storico, artistico e culturale di Pisa. Il percorso comprende anche suggerimenti su dove mangiare, bere o riguardanti servizi utili per chi viaggia come toilette, bancomat e farmacie.

LEGGI ANCHE: Viaggiare a piedi in Italia e in Europa, gli itinerari più suggestivi

L’idea del progetto è nata dalla considerazione che le città italiane non possono essere considerate per tutti, perché scale, marciapiedi sconnessi, mezzi pubblici non sempre dotati degli ausili idonei perché tutti possano accedervi e tanto altro, rendono gli spostamenti di una persona a mobilità ridotta molto simili a un percorso a ostacoli – afferma Conti – L’Italia in ambito comunitario non è certo tra le nazioni che spiccano per l’attenzione all’accessibilità delle proprie città e questa guida rappresenta uno strumento utile per diffondere la cultura del turismo per tutti”.

APPROFONDISCI: Il progetto CammiMIamo, percorsi per camminare insieme a Milano

“La Fondazione Cesare Serono da anni si occupa di disabili, ossia dei loro diritti e della loro qualità di vita – afferma Conti -. Le barriere architettoniche sono da sempre uno dei peggiori nemici per coloro che si muovono con difficoltà. Inoltre, sono un ostacolo che si frappone tra queste persone e le infinite bellezze delle nostre città d’arte. Abbiamo pensato di combinare mobilità, turismo ed arte”.

TURISMO TOSCANA –

Il progetto A Ruota Libera, conclude Conti, è solo agli inizi e si arricchirà di nuovi e importanti servizi. Basti citare che le guide sono già state tradotte in inglese e sono disponibili per tablet e smartphone. Tutte le informazioni sulle guide e su un turismo accessibile sono reperibili su un sito che la Fondazione Cesare Serono ha creato appositamente per i viaggiatori disabili, www.itinerariaccessibili.it. Le guide con i percorsi sono pubblicate dalla casa editrice Polaris, che ha fatto nascere una nuova collana appositamente per il progetto “A Ruota Libera”, dal titolo “Itinerari accessibili: istruzioni per l’uso”. Dopo Pisa, che insieme a Lucca si aggiunge alla guida di Firenze, arriverà la guida di Milano che sarà pronta per l’Expo 2015. A seguire tutte le più importanti città d’arte italiane.