Questo sito contribuisce all'audience di

Perdere peso in modo sano con la frutta-dieta

di Posted on
Condivisioni

Si chiamano Dian Griesel e Tom Griesel gli esperti che hanno ideato quella che può essere chiamata la frutta-dieta, poiché presuppone che si debba consumare molta frutta durante la giornata. E, a volte, addirittura soltanto frutta.

Per presentare questa dieta che promette di far perdere peso in modo sano, i due esperti hanno pubblicato un libro – per ora in lingua inglese – dal titolo TurboCharged: Accelerate Your Fat Burning Metabolism, Get Lean Fast and Leave Diet and Exercise Rules in the Dust (BSH, 2011).

A detta degli autori, nella maggioranza delle diete comuni è dato poco spazio alla frutta ma la sua presenza dovrebbe essere incrementata, anche di molto. «La frutta che è così limitata nella maggior parte delle diete per perdere peso e che manca in molte diete di tutti i giorni è essenziale per una salute ottimale con abbondanza di verdure fresche, frutta secca, semi, e le proteine di origine animale come carne, pesce, uova e formaggio. E la marea dei benefici forniti dalla frutta continuerà a essere provata in studi scientifici», scrivono i Griesels.

Il fatto che la frutta sia stata sovente inclusa nella categoria dei carboidrati, troppo spesso viene eliminata senza motivo dalla dieta, fa notare Tom. «Questo è conveniente per i produttori, ma dannoso per la nostra salute e il benessere. Un pezzo di frutta fornisce nutrienti di facile assimilazione, e acqua naturale».
Se la frutta è bene possa riguadagnare il suo legittimo posto tra gli alimenti sani e popolari, sottolinea Dian, «il suo valore nutrizionale non può essere negato».

Gli esperti, esortando l’uso maggiore di frutta per poter perdere peso e mantenersi sani, concludono con un ultimo consiglio: «Prendete il controllo della vostra salute. Iniziate col mangiare un’insalata di frutta a colazione, pranzo e cena con spuntini di frutta! Questo semplice passo vi aiuterà elevare l’umore, lo spirito, migliorare i biomarcatori chiave e certamente l’assorbimento dei nutrienti».
Il lavoro dei due esperti è stato riportato nella rivista Nutrition and Cancer.