Questo sito contribuisce all'audience di

Il cane sporca? Il sindaco ti fotografa e ti mette sul web

A Gattinara, in provincia di Vercelli, chi sporca paga e la sua foto viene pubblicata in strada e in rete. L’obiettivo dell’amministrazione è quello di isolare gli sporcaccioni che “offendono tutti i cittadini”.

Condivisioni

MULTE PER ESCREMENTI CANI –

Daniele Baglione, un giovane di 36 anni, passerà alle cronache come uno dei sindaci più attivi nella lotta contro la cattiva abitudine dei proprietari di animali domestici di non raccogliere i “bisognini” dei loro cani durante le passeggiate in città. Primo cittadino di Gattinara, un piccolo comune di Vercelli, Baglione sta facendo una battaglia senza quartiere ai cittadini sporcaccioni, che gettano rifiuti nelle strade, sui marciapiedi e perfino nei boschi. E, peggio, ancora insozzano la città con gli escrementi dei loro cani.

LEGGI ANCHE: Rifiuti degli animali, in Spagna parte la campagna Cacas Express

L’INIZIATIVA DEL SINDACO DI GATTINARA –

Innanzitutto il sindaco di Gattinara ha attivato un indirizzo di posta elettronica (chisporcapaga@gmail.com) al quale tutti possono scrivere per inviare segnalazioni con rifiuti e immondizia gettata in strada, compresi i micidiali mozziconi di sigarette. Quanto ai colpevoli, invece, la pena è doppia: una multa e la pubblicazione della loro foto in una bacheca pubblica, sistemata al centro della piazza centrale del comune, e sul web. Almeno per provare vergogna.

ORDINANZA ESCREMENTI CANI –

Baglione così risponde a chi lo accusa di portare i cittadini alla gogna mediatica: «Non voglio gogne, ma i cittadini devono sapere chi sono gli sporcaccioni. Il nostro compito è quello di difendere Gattinara, con i suoi portici e la sua pulizia. Chi getta rifiuti per strada o non raccoglie gli escrementi del suo cane è un incivile, che danneggia la popolazione e offende la buona educazione di tutti».

PER APPROFONDIRE: A Mascalucia e Parete sconto sulla Tari per i cittadini che adottano un cane randagio