Questo sito contribuisce all'audience di

Energia pulita in Veneto dagli scarti delle viti

In Veneto gli scarti delle viti non si sprecano ma diventano energia pulita.

Condivisioni

Nuova energia, pulita, dallo scarto delle viti. L’esperimento in corso in Veneto, a cura della regione, dell’università di Padova e del Consorzio per la tutela del Prosecco superiore, sta dando buoni risultati.

LEGGI ANCHE: Energia da una passeggiata, guardate le mattonelle che producono corrente con i passi

In pratica, dai sarmenti di vite si ricava energia termica senza emissioni di gas nocivi. E’ una tecnica molto virtuosa perché presenta due vantaggi. Il primo è quello di evitare di bruciare all’aperto (pratica, tra l’altro, vietata dalla legge) i resti delle potature delle vigne. Il secondo risultato è invece quello di produrre elettricità pulita ed a buon mercato nelle campagne venete.

PER SAPERNE DI PIU’: Energia elettrica solo da rifiuti riciclati. A Prato allo Stelvio non si butta niente e la corrente costa il 30 per cento in meno

I residui delle potature non diventano più un problema per il ciclo di smaltimento dei rifiuti, ma si trasformano così in una risorsa energetica per l’intero territorio.

LEGGI ANCHE: