Raccolta rifiuti senza camion: ecco come funziona il modello svedese
Questo sito contribuisce all'audience di

Raccolta rifiuti senza camion: il modello svedese

La spazzatura viaggia in condotte sotterranee. A una velocità fino a 70 chilometri all'ora. Poi passa a un Centro per il riciclaggio. E i mezzi per la raccolta sono scomparsi

di Posted on

Avete presente i camion per la raccolta della spazzatura, rumorosi e puzzolenti? A Roma circolano anche in pieno giorno, e partecipano alla fiera del traffico. Questi mezzi sono delle vere e proprie discariche in circolazione, e trasportano dalle 2,5 fino alle 12-14 tonnellate di rifiuti.

RACCOLTA RIFIUTI SENZA CAMION

Ma esistono paesi dove i camion per la raccolta dei rifiuti sono scomparsi, con grande beneficio per la salute dei cittadini e per il buon funzionamento della catena di smaltimento dell’immondizia. E tutto avviene sotto terra, attraverso un sistema di tubi con aria compressa che risucchia l’immondizia da casa e dalla strada.

RACCOLTA DIFFERENZIATA SVEZIA

Il cambio di paradigma in Svezia è stato reso possibile da due fattori fondamentali. Una tecnologia all’avanguardia, che ha sempre cercato di tenere conto delle esigenze ambientali. Livelli altissimi di raccolta differenziata, senza la quale qualsiasi sistema di smaltimento dei rifiuti è destinato a non funzionare. Ma come funziona la catena dell’immondizia senza i camion?

LEGGI ANCHE: Come ridurre gli imballaggi inutili, così produci meno rifiuti e sprechi di meno

RACCOLTA RIFIUTI SVEZIA

In pratica, i sacchi dei rifiuti vengono prima differenziati e poi buttati in specifici contenitori dislocati lungo le strade. Quando i contenitori sono pieni si avvia un sistema di aspirazione che, attraverso una serie di condotte sotterranee, fa viaggiare i rifiuti a una velocità di 70 chilometri orari dirigendoli verso una centrale di smistamento. Da qui, a seconda della tipologia del rifiuto, finiscono in discarica o in un centro di riciclaggio.

Utilizzare questo sistema richiede diversa energia ma, in cambio offre una riduzione dei cattivi odori e della quantità di camion su strada con un conseguente minor investimento in mezzi e carburante. In Svezia, per esempio, il numero dei mezzi di raccolta rifiuti è diminuito del 90 per cento.

Il metodo svedese è stato ripreso da altre grandi città come Londra, New York, Barcellona e Parigi e forse presto potrebbe diventare realtà anche in Italia.

IN SVEZIA NIENTE SPAZZATURA

Nel 1975 gli svedesi riciclavano appena 18 chili di rifiuti a testa all’anno, e ne mandavano in discarica oltre 200 all’anno. Adesso i numeri sono  completamente ribaltati. I chili riciclati sono 161, quelli che vanno in discarica soltanto 3 pro-capite. Solo l’1 per cento della spazzatura (e questa percentuale è ancora in flessione) prende la via delle discarica (nel 2001 era il 22 per cento), mentre il 93 per cento del vetro, l’82 per cento della carta e il 54 per cento della plastica, vengono regolarmente riciclati.

CONSIGLI UTILI PER EVITARE SPRECHI CON LA RACCOLTA DIFFERENZIATA:

Share

<