In Svezia raccolta di rifiuti senza camion | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

In Svezia raccolta di rifiuti senza camion

Condivisioni

Nel corso degli ultimi anni sono stati compiuti numerosi passi in avanti nel campo della raccolta dei rifiuti. Non è passato molto tempo infatti, da quando gettavamo nel cassonetto qualunque tipo di rifiuto. Poi è arrivata la raccolta differenziata e sono molti oggi, in Italia, i Comuni virtuosi nei quali la raccolta differenziata raggiunge livelli altissimi.

Nonostante i progressi però, le nostre città, nella maggior parte dei casi, sono ancora piene di antiestetici e maleodoranti cassonetti. La soluzione a questo problema arriva dalla Svezia dove, ormai da molti anni, i rifiuti vengono gestiti sottoterra.

In pratica, i sacchi dei rifiuti vengono prima differenziati e poi buttati in specifici contenitori dislocati lungo le strade. Quando i contenitori sono pieni si avvia un sistema di aspirazione che, attraverso una serie di condotte sotterranee, fa viaggiare i rifiuti a una velocità di 70 chilometri orari dirigendoli verso una centrale di smistamento. Da qui, a seconda della tipologia del rifiuto, finiscono in discarica o in un centro di riciclaggio.

Utilizzare questo sistema richiede diversa energia ma, in cambio offre una riduzione dei cattivi odori e della quantità di camion su strada con un conseguente minor investimento in mezzi e carburante. In Svezia, per esempio, il numero dei mezzi di raccolta rifiuti è diminuito del 90 per cento.

Il metodo svedese è stato ripreso da altre grandi città come Londra, New York, Barcellona e Parigi e forse presto potrebbe diventare realtà anche in Italia.