Recupero rifiuti: in Italia solamente il 33% - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

In Italia si recupera solo il 33 per cento dei rifiuti. Peggio di noi solo Portogallo e Grecia

Circa la metà dell'immondizia prodotta finisce nelle discariche. Quelle che, come ci chiede l'Unione europea, dovremmo chiudere. Per i danni che fanno

In Italia il riciclo non decolla: non solo la raccolta differenziata, anche il recupero dei rifiuti urbani è decisamente al di sotto degli standard europei. Secondo gli ultimi dati riportati nello studio annuale “L’Italia del Riciclo”, il Rapporto promosso da FISE Unire, l’associazione di Confindustria che rappresenta le aziende del recupero rifiuti, e dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, nel nostro Paese solo il 33 per cento dei rifiuti urbani viene recuperato contro una media europea che segna un 42 per cento. Peggio di noi solo Portogallo (19 per cento) e Grecia (18 per cento).

RECUPERO RIFIUTI

E ancora: quasi la metà dei rifiuti prodotti, circa 15 milioni di tonnellate all’anno, finisce in discarica. La Lombardia è l’unica regione che smaltisce in discarica la percentuale inferiore di rifiuti urbani prodotti, pari all’8 per cento del totale. Seguono il Friuli Venezia Giulia (15 per cento), il Veneto (19 per cento), l’Emilia Romagna (28 per cento) e il Trentino Alto Adige (29 per cento). In tutte queste Regioni anche la raccolta differenziata raggiunge livelli elevati. La situazione peggiora però spostandosi dal Nord al Sud del Paese dove sono 9 le regioni che superano ampiamente il 60 per cento di rifiuti conferiti in discarica: Liguria, Umbria, Marche, Lazio, Molise, Puglia, Basilicata e Calabria.  Record negativo per la Sicilia che segna un 93 per cento.

LEGGI ANCHE: In Italia è emergenza rifiuti. Da Roma alla Calabria, le città sono invase dall’immondizia

RECUPERO RIFIUTI IN EUROPA

Al contrario, in Europa si distrugge, in media, solo il 30 per cento dei materiali di scarto. È ancora enorme quindi il divario che ci separa da Paesi come l’Austria (70 per cento), Germania e Belgio (62 per cento), Paesi Bassi (61 per cento), Svezia (50 per cento) e Danimarca (42 per cento). Questi sei Paesi europei, oltre a un elevato tasso di riciclo e a una quota significativa di recupero energetico mostrano anche un altro dato in comune: smaltiscono in discarica tra lo 0 e il 3 per cento dei rifiuti.

Questi dati testimoniano come sul piano dei rifiuti ci sia ancora molta strada da fare. È importante pertanto agire subito per la tutela dell’ambiente e per lo sviluppo della green economy.

RACCOLTA DIFFERENZIATA, COME EVITARE SPRECHI:

  1. Raccolta differenziata del polistirolo: i consigli utili per riciclarlo in maniera corretta
  2. Raccolta differenziata: tutto quello che c’è da sapere per procedere correttamente
  3. Raccolta differenziata porta a porta: il caos dei comuni in ordine sparso
  4. Plastica e raccolta differenziata, tutto quello che bisogna sapere per farla bene
 
Shares

LEGGI ANCHE: