Eco-sneakers ID.EIGHT - Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Scarpe con i residui di mele e ananas: le eco-sneakers ID. EIGHT

Giuliana Borzillo, brand manager, e Dong Seon Lee, direttore creativo e stilista di scarpe, sono una coppia nella vita e nel lavoro: insieme hanno ideato ID.EIGHT, linea di sneakers etiche, vegan ed eco-friendly fatte di similpelle in scarti di frutta e materiali riciclati

Il made in Italy bello e sostenibile è quello che unisce moda, design e attenzione per l’ambiente, e in questo caso parla napoletano, ma anche coreano. Dall’incontro di una energica product manager napoletana e un designer coreano, infatti, nascono le sneakers fatte di frutta e materiali riciclati. Si chiamano ID. EIGHT e sono persino amiche delle api.

LEGGI ANCHE: Womsh, la moda bella e sostenibile arriva dal Veneto. Con scarpe vegan e eco-friendly

ECO-SNEAKERS

Interamente sostenibili ed eco-friendly, le sneakers ideate dalla start-up con sede a Firenze hanno un packaging innovativo: in cartone riciclato che contiene una bomba di semi da piantare per far nascere fiori amati dalle api, salvaguardando, così, la loro esistenza e la biodiversità.

ECO-SNEAKERS ID.EIGHT

ID. EIGHT è un progetto di scarpe ecosostenibili, avviato con un crowdfunding da 35mila euro andato a buon fine, in grado di unire bellezza e design al basso impatto ambientale. Realizzate seguendo i dettami dell’economia circolare, secondo i quali ogni scarto può diventare risorsa, sono fatte con gli scarti dell’industria alimentare e materiali di riciclo: similpelle di ananas, similpelle di vino e similpelle di mele, ricavate rispettivamente dagli scarti di lavorazione dell’ananas,  dalla bio-polimerizzazione della vinaccia e delle parti non commestibili delle mele. Suola, lacci ed etichette sono tutti realizzati in materiali riciclati.  L’obiettivo del laboratorio italo-coreano è lanciare sul mercato una calzatura a basso impatto ambientale, made in Italy, con l’alto valore aggiunto del design ricercato ispirato agli anni ’90, e, soprattutto, unisex. 

SCARPE CON RESIDUI DI FRUTTA

L’intento di Giuliana Borzillo, 33 anni e Dong Seon Lee, 42 anni, coppia nella vita e nel settore della moda, è quello di promuovere con i loro prodotti non solo uno stile di acquisto e di consumo, ma un’etica e dei valori profondi. A partire dal liberare le sneakers dal concetto di “per uomo e per donna”: la collezione di ID. EIGHT, dove ID sta per identità ed EIGHT, il numero otto incarna l’infinito, la circolarità e la capacità di rigenerarsi, presenta due modelli gender-free, adatti sia all’uomo che alla donna, in diverse varianti di colore. Sono scarpe etiche non solo per il loro concept e la loro realizzazione. Ogni passaggio della filiera è assolutamente controllato: dalle materie prime al trasporto, affidato a ditte che non sfruttano i lavoratori e che rispettano i diritti sindacali.

eco-sneakers id.eight

PER APPROFONDIRE: Piñatex, la pelle fatta con l’ananas. Ecologica, etica, sostenibile e poco costosa

IL PROGETTO ID.EIGHT

Le eco-sneakers di ID. EIGHT nascono con amore e dall’amore, in una duplice versione, quella per il mondo della moda e della calzatura e quella dell’incontro tra due culture e due realtà biografiche diverse, nato a prima vista in una fiera di scarpe nel 2017. La fusione e la sinergia tra i due ragazzi ha permesso la nascita delle sneakers ecosostenibili, che sono un equilibrio perfetto tra il sogno di Dong, laureato in moda a Seoul, e quello di Giuliana, un master al Polimoda di Firenze. Uno, appassionato di scarpe da ginnastica, design minimal e anni’90, l’altra da sempre attenta alle tematiche della sostenibilità.

“ID. EIGHT” è candidato al Premio Non Sprecare 2021, nella sezione “Aziende”. Per candidare i vostri progetti, seguite le istruzioni fornite qui.

Le immagini sono tratte dalla pagina Facebook di ID. EIGHT

MODA ECO-SOSTENIBILE:

Share

Nessun commento presente

Che ne pensi?

<