Questo sito contribuisce all'audience di

Come preparare in casa, con gli scarti della cucina, un detersivo universale fai da te

Non sprecate gli scarti della frutta e della verdura: potete riutilizzarli per la preparazione di uno speciale detergente fai da te, perfetto per la pulizia dei vetri, degli specchi, del piano cottura e addirittura dell'automobile.

di Posted on
Condivisioni

DETERSIVO UNIVERSALE FAI DA TE – Preparare il detersivo in casa vi permetterà non solo di risparmiare ma anche di avere a disposizione un prodotto ecosostenibile, in grado di detergere le varie superfici senza però inquinare. Ricordiamo infatti che la maggior parte dei detersivi in commercio, senza dubbio efficaci, contengono sostanze chimiche fortemente inquinanti e in alcuni casi anche nocive per la salute.

LEGGI ANCHE: Come preparare in casa il detersivo liquido per il bucato in lavatrice

Oggi, in particolare, vogliamo spiegarvi come preparare in casa un detersivo universale, perfetto per la pulizia dei vetri, degli specchi, del lavello, del piano cottura, dei pavimenti e addirittura della macchina, un prodotto dai mille usi realizzato a partire dagli scarti della cucina come frutta e verdura.

COME PREPARARE UN DETERSIVO UNIVERSALE CON GLI SCARTI DI FRUTTA E VERDURA – Vediamo allora, secondo le indicazioni di Stefania Rossini, blogger di Natural-mente Stefy e autrice di alcuni libri tra cui “Come vivere in 5 con 5 euro al giorno”, come preparare in casa, con gli scarti della cucina, un detersivo universale fai da te:

Occorrente

  • 2,5 litri di acqua demineralizzata, quella del ferro da stiro
  • 500 gr di zucchero di canna integrale bio  (in alternativa adoperate 500 gr di miele bio)
  • 1,5 kg di scarti della cucina – frutta e verdura

Un consiglio: Perfetta la frutta ma va bene anche un misto di frutta e verdura. Ad esempio, se avete alcuni alberi da frutta in giardino, raccogliete i frutti caduti a terra e che non possono più essere mangiati oppure utilizzate scarti come bucce di banana, mela o altri pezzetti di frutta troppo matura per essere mangiata)

  • Un bidoncino capiente

Preparazione

Fate sciogliere lo zucchero nell’acqua, aggiungete la frutta e mescolate.

Riponete sul contenitore un’etichetta in cui segnare gli ingredienti e le quantità utilizzate per la preparazione del prodotto e poi appoggiate il coperchio sul contenitore senza però chiuderlo.

Ogni due giorni, con l’aiuto di un mestolo forato, abbassate l’eventuale muffa che si forma.

Come spiega Stefania sul suo blog:Ora i batteri buoni  con i batteri cattivi combatteranno, in quel liquido si formerà una vera battaglia, il vostro unico compito è quello per 5 mesi circa abbassare queste muffe facendole mangiare dai batteri, e attendere, loro sapranno come comportarsi“.

Continuate quindi così per circa 5 mesi o poco più e quando notate che la frutta inizia a rimanere sul fondo mentre sulla superficie si forma una gelatina, scolate parte del liquido. Filtrate il liquido con un colino ed una garza a maglie fini.

In particolare, Stefania utilizza 200 ml di liquido al quale aggiunge 800 ml di acqua circa, poi trasferisce il tutto in un contenitore spray e lo utilizza direttamente sulle diverse superfici. Il liquido avrà il profumo di frutta e non di marcio.

Ritornando invece al barattolo iniziale, continuate a prelevare il liquido, a filtrarlo fino a quando non sarà terminato, aggiungete acqua e zucchero con rapporto 5 di acqua e 1 di zucchero (500 ml acqua, 100 gr di zucchero) mescolate e aggiungete al vostro contenitore di partenza.

PER APPROFONDIRE: Come preparare in casa il sapone, la ricetta di Stefania Rossini

LEGGI ANCHE: