Questo sito contribuisce all'audience di

Cenone di Capodanno: il più caro a Palermo, Roma la città in cui si spenderà meno

Secondo i dati rilevati da PromoQui, a Palermo per la cena di Capodanno si arriverà a spendere fino a 75,74 euro.

Condivisioni

Insieme a quello di Natale, il cenone di Capodanno è uno degli appuntamenti a cui noi italiani non sappiamo proprio rinunciare. Una serata all’insegna del buon cibo, dei piatti tipici, del divertimento e del caratteristico brindisi con cui si saluta l’anno vecchio e si dà il benvenuto a quello nuovo.

LEGGI ANCHE: Come risparmiare in cucina, dalla spesa al menu

COSTO CENONE DI CAPODANNO, LA RICERCA – Una ricorrenza per la quale quest’anno, nonostante la crisi, gli italiani dovranno sborsare più dello scorso anno. È quanto emerge da una ricerca svolta da PromoQui che, per stabilire quali saranno le città italiane più care, ha calcolato i costi di tutta una serie di alimenti e bevande che rientrano nel menu tipico della cena dell’ultimo dell’anno ossia uno spumante, un pandoro, un panettone, 1 kg di salmone affumicato, 1 kg di cotechino, 1 kg di lenticchie e 1 kg di frutta secca.

DOVE SI SPENDERA’ DI PIU’ E DOVE DI MENO – Dai risultati è emerso che la città più cara quest’anno sarà Palermo dove si arriverà a spendere fino a 75,74 euro per l’acquisto di questi alimenti. Seguono Venezia dove l’esborso sarà di circa 61 euro e Torino e Bologna dove il costo del cenone si aggirerà sui 58 euro. La città in cui invece si spenderà meno, sulla base delle offerte medie dei volantini, sarà invece Roma: nella capitale infatti lo scontrino finale sarà al di sotto dei 51 euro.

COME RISPARMIARE SUI COSTI DELLA SPESA PER IL CENONE – Ma ci sono anche due buone notizie. Innanzitutto, in alcuni casi il cenone costerà anche di meno rispetto al 2012, con un risparmio del 6-7 per cento:  a Cagliari  ad esempio, l’anno scorso per il carrello indicato si sarebbero spesi 60 euro, quest’anno solo 56, a Milano invece si spenderanno mediamente 54,13 euro contro i 56,68 dell’anno scorso. E ancora, si risparmieranno 2 euro a Napoli, 55 euro anzichè i 57,07 del 2012 e a Roma, l’anno scorso lo scontrino avrebbe indicato 55,07 euro.

La seconda buona notizia è che per chi compra seguendo le offerte presenti sui volantini la possibilità di risparmio è sempre consistente con un vantaggio sul conto finale della spesa che può arrivare anche al 30 per cento: è quanto emerge dall’analisi comparata dei prezzi promozionali medi di dicembre e i prezzi più bassi rilevati che corrispondono alle promozioni “spot”, specialissime e super scontate, proposte dalle diverse insegne.

Risparmiare sulla spesa è quindi possibile: basta tenersi informati sulle varie offerte in corso e approfittare delle diverse promozioni.

PER APPROFONDIRE: La spesa al supermercato al tempo della crisi si fa gratis, le iniziative solidali in Italia e in Europa

LEGGI ANCHE: