Come organizzare i compiti delle vacanze di Natale - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Compiti delle vacanze di Natale: come organizzarli al meglio, per non sprecare tempo

Nonostante polemiche e discussioni sull'opportunità di caricare i bambini di compiti anche durante le vacanze di Natale, si deve trovare un metodo per coinciliare il tempo libero e i doveri scolastici. Primo consiglio? Una buona tabella di marcia, che tenga in conto dei ritmi più blandi

COME ORGANIZZARE I COMPITI DELLE VACANZE DI NATALE

Il Natale per i bambini è sempre un’occasione di gioia: pochi giorni alle vacanze e poi potranno scartare i regali trovati sotto l’albero, giocare a tombola e gustare tutti i buonissimi dolci tipici della tradizione natalizia. Attenzione però a non dimenticarsi gli odiatissimi compiti delle vacanze di Natale, al centro di polemiche e discussioni sulla necessità o meno di assegnare tali doveri scolastici. La domanda, legittima e comprensibile, è: bisogna proprio caricare di impegni i bambini e le bambine anche durante le vacanze di Natale? 

Non si tratta di discutere i metodi educativi dell’istituzione scuola, bensì di una riflessione ben più ampia sulla necessità di riappropriarsi del tempo libero, di godere del tempo in famiglia e di rallentare il ritmo, almeno per qualche giorno. Portavoci di quest’istanza non sono solo maestri un po’freak, genitori ribelli o insegnanti lavativi, ma anche molti presidi, molti Istituti della penisola e persino il Moige. Il concetto di fondo è semplice: i bambini in una settimana non corrono il rischio di dimenticare alcunché o di inficiare la loro preparazione, ma possono sfruttare il tempo libero a loro disposizione per godersi la famiglia, il clima natalizio e le tradizioni. Inoltre, i bambini e le bambine italiane, come si legge nei dati Ocse, fanno molti più compiti dei coetanei di altri paesi: otto ore in media alla settimana, tre ore in più rispetto agli altri paesi europei. Il triplo dei bambini coreani.

come organizzare i compiti delle vacanze di natale

Dunque, è proprio necessario togliere del tempo ai bambini anche durante le vacanze di Natale? I pedagogisti giurano di no, ma sono concordi nell’affermare che, se proprio si devono fare temi, pensierini ed esercizi di aritmetica, sia meglio farlo senza aiuto da parte di mamma e papà.

LEGGI ANCHE: Scuola senza compiti a casa, in Italia ci sono in tre regioni. Così funziona a Torino

COME ORGANIZZARE I COMPITI A CASA

In ogni caso, meglio organizzare il tempo dei bambini, e il vostro per supervisionare, senza che i compiti delle vacanze rovinino le ferie di tutti, si sprechi tempo e non ci si goda la famiglia e il periodo natalizio. Ecco quindi il nostro semplice vademecum con alcuni consigli utili.

  • UNA BUONA TABELLA DI MARCIA

Il programma più intelligente prevede di cadenzare le cose da fare nei diversi giorni delle vacanze in modo che, esclusi il 24 e il 25 dicembre e il 1 gennaio, non ci siano altri giorni con grandi vuoti.

  • PER NON PERDERE L’ESERCIZIO

Effettuare i debiti distinguo tra materie che possono essere affrontate in un giorno solo (italiano, storia o geografia) e materie che necessitano di un esercizio quotidiano per non “perdere la mano”, come la pratica della traduzione, la matematica, il disegno tecnico. In quest’ultimo caso, la soluzione migliore è quella di continuare a fare qualche esercizio con ritmi più blandi.

  • GUARDARE UN FILM IN LINGUA ORIGINALE

Per rinfrescare l’inglese, cosa c’è di meglio che mettersi sul divano in sala con i parenti a guardare un bel film natalizio di quelli che tutti conoscono a memoria in inglese? Così il ripasso riguarderà anche tutta la famiglia.

  • CONFRONTO CON I COMPAGNI DI CLASSE

Prima di ricominciare il 9 gennaio, organizzate una merenda insieme ai compagni di classe: un’ottima occasione per confrontare i compiti e ripetere insieme alcuni concetti fondamentali come ad esempio le regole grammaticali.

LE SCUOLE CHE CI PIACCIONO:

Shares