Come noleggiare una barca: 10 consigli utili | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Come noleggiare una barca

Dallo skipper alla patente, dall'assicurazione ai documenti di bordo. Quello che dovete sapere quando prendete in affitto un'imbarcazione. E come risparmiare.

Con o senza skipper. Con o senza patente. Per una crociera ben organizzata e studiata in. anticipo. Noleggiare una barca, anche piccola, è sicuramente uno dei modi migliori per godersi il mare.

COME NOLEGGIARE UNA BARCA

Ma servono alcune precauzioni, che riguardano diversi aspetti del noleggio. E partono tutte da uno stesso punto: il vostro grado di esperienza sia al comando di un’imbarcazione sia per navigare. Il mare non si sfida. Tantomeno quando si noleggia una barca e abbiamo bisogno di navigare con il massimo livello di sicurezza.

SKIPPER

In generale, la soluzione di un noleggio che comprenda anche lo skipper è sempre preferibile, se non indispensabile quando, per esempio, non conoscete la zona dove siete diretti o non avete la patente necessaria a guidare il tipo di imbarcazione che state noleggiando.

Lo skipper darà un contributo fondamentale a scegliere i luoghi giusti per gli ancoraggi e anche a infondere maggiore tranquillità: è lui, infatti, ad avere la responsabilità giuridica dell’imbarcazione. In alcuni casi, la società di charter non concede in affitto le proprie barche senza skipper a bordo.

come noleggiare una barca

LEGGI ANCHE: La barca a vela aspirapolvere per la plastica negli oceani: ne raccoglie 600 metri cubi a uscita

PATENTE 

Il brevetto nautico per noleggiare una barca non è sempre indispensabile. Le società noleggiatrici in genere offrono dei pacchetti in cui è incluso un equipaggio di bordo e perfino le provviste per il periodo del noleggio. In questo caso, essendo lo skipper ad avere il controllo dell’imbarcazione, a nessuno dei clienti sarà richiesta la licenza nautica.

Una patente nautica valida a livello internazionale, tipo CEVNI, ICC o simili, sarà richiesta insieme ad una licenza radio solo e se l’imbarcazione è noleggiata nuda e quindi senza skipper. In questo caso, coloro che noleggiano avranno la responsabilità giuridica al timone della barca, mentre le licenze in possesso confermano le competenze del titolare in ambito nautico.

ASSICURAZIONE

Alcune società assicurative permettono di stipulare dei contratti assicurativi che coprono i clienti da eventuali danni o inconvenienti durante il noleggio di una barca, anche con skipper. In genere, le coperture assicurative possono coprire la durata esatta del viaggio oppure possono avere una durata maggiore, anche annuale.

Le principali assicurazioni coprono in media:

  • Danni o lesioni personali all’intero equipaggio di bordo
  • Danni allo yacht fino ad un massimale prestabilito dalla polizza
  • Danni limitati all’imbarcazione provocati dallo skipper

Come in ogni caso, l’assicurazione può essere un’ancora di salvezza in caso di imprevisti e una sicurezza in più per chi vuole godersi la vacanza senza troppi rompicapo.

come noleggiare la barca

LEGGI ANCHE: La barca fatta con infradito e bottiglie di plastica

INVENTARIO DI BORDO

Prima di sottoscrivere un contratto di noleggio sarà richiesto al cliente di verificare l’intera dotazione presente a bordo, tra cui attrezzature, accessori e strumenti utili durante il viaggio.

La società di charter infatti fornisce l’inventario di bordo che in pratica tutela entrambe le parti. In caso di smarrimento o danneggiamento dell’equipaggiamento il cliente sarà tenuto a ripagare il materiale compromesso. Mentre, dalla sua, il cliente avrà dall’inizio una lista dettagliata di tutta l’attrezzatura presente in cabina e sull’imbarcazione più in generale.

Prima di firmare l’inventario è meglio costatare che le attrezzature riportate al suo interno siano funzionanti per evitare spiacevoli inconvenienti durante il viaggio.

CAMBUSA

In nautica la cambusa è lo spazio dedicato allo stoccaggio, alla conservazione e alla cucina. Dato che non si viaggerà a terra e che non è possibile attraccare frequentemente, organizzare la cambusa è fondamentale per vivere una vacanza in pieno relax e con tutto il necessario già a bordo.

Per un viaggio al meglio è necessario fare scorte di acqua, programmare il menù di pranzo e cena per almeno 3 o 4 giorni, e portare a bordo tutto il necessario con le quantità giuste e prevedendo anche eventuali allergie o intolleranze del gruppo. Proprio per evitare che qualcuno infine resti a bocca asciutta.

BAGAGLI

Una vacanza in barca non deve prevedere mai un gran numero di bagagli. D’altronde, per la maggior parte del tempo si è in mare aperto a navigare e per chi apprezza questo genere di viaggi, spesso si attracca il meno possibile. Per questa ragione, è consigliabile ridurre al minimo le valigie e portare solo lo stretto necessario. Piuttosto, è vitale concentrarsi sul punto precedente, ossia sulla cambusa.

come fare il noleggio barca

LEGGI ANCHE: Dove andare al mare d’inverno in Italia: 10 mete imperdibili a portata di mano

CAUZIONE

Il deposito cauzionale è un ammontare definito che ogni società di charter richiede al cliente come garanzia in caso di danni, sinistri, perdita o furti eventuali durante il noleggio. Per coprire infatti le spese, se ce ne fosse bisogno, sarà impiegata la cauzione del cliente che non vedrà il suo denaro devoluto.

In genere, tuttavia, le barche a noleggio sono coperte da un’assicurazione KASKO di base che può prevedere una franchigia che varia a seconda del valore dell’imbarcazione noleggiata. Stipulando un’assicurazione più completa il cliente potrebbe anche aumentare il valore della franchigia fino anche a superare il deposito cauzionale versato, in maniera tale da recuperare in ogni caso il denaro versato.

È ad ogni modo da considerare il costo dell’assicurazione che può essere più o meno alto a seconda della società assicuratrice e del tipo di assicurazione.

COSTI NOLEGGIO

Per avere un’idea generale sulle possibili spese per noleggiare una barca ecco alcuni prezzi di riferimento:

  • Una barca a vela (massimo 12 metri) a partire da circa 150/800 euro al giorno
  • Una barca a vela (oltre i 12 metri) a partire da 800/900 euro al giorno
  • Uno Yacht a partire da 350 euro al giorno
  • Un Catamarano (12 metri) a partire da 1.400/1.500 euro al giorno

I costi delle imbarcazioni in località marittime in genere sono superiori rispetto a quello nei pressi di un lago. Inoltre, è da tenere in conto che con un equipaggio a bordo, quindi skipper, il prezzo può lievitare anche di tanto, fino anche a 1.000 euro a settimana. Bisogna aggiungere infine il costo per organizzare la cambusa e spese come carburante, ormeggi ed extra.

PROGRAMMA CROCIERA

La destinazione, il viaggio in sé e il programma della vacanza è meglio pianificarlo in anticipo. Conoscere le località e navigare con un piano ben preciso permette di evitare eventuali contrattempi o imprevisti fastidiosi. Nel caso in cui si decidesse di noleggiare uno scafo con skipper, è bene chiedere consigli all’equipaggio così da cercare le soluzioni migliori per vivere le vacanze in pieno relax e con estrema tranquillità.

SOCIETÀ AFFIDABILI

Il noleggio di una barca è bene che avvenga con società di charter affidabili e che rispettino i canoni di sicurezza più elevati. Un ottimo esempio può essere il noleggio barche a Castellammare del Golfo con SamBoat, una società attiva nel settore da anni e che propone imbarcazioni di qualità. Affidarsi a compagnie low-cost, soprattutto per il noleggio barche, è poco raccomandato, a meno che non si conosca bene la società o si abbiano certezze sui servizi offerti dalla stessa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Share

<