Come fare la manutenzione della caldaia - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Manutenzione della caldaia, come farla bene per evitare pericolose dispersioni e costi inutili

Da molti anni è obbligatoria per legge. Farla regolarmente garantisce che non ci siano dispersioni, inefficienze e sprechi. Ed è importante anche per la sicurezza.

Ultimo aggiornamento il 23.11.2021 alle 17:30

La caldaia va controllata, e non solo perché lo dice la legge. Ci sono almeno tre buoni motivi…

COME FARE LA MANUTENZIONE DELLA CALDAIA

Ci sono almeno tre buoni motivi per fare in modo corretto, e con l’aiuto delle persone giuste, la manutenzione della caldaia. Il primo è la sicurezza: un impianto trascurato, tenuto male, magari solo per risparmiare qualche euro, diventa nel tempo un impianto a rischio. E quindi pericoloso, innanzitutto per chi vive negli ambienti riscaldati dall’apparecchio non curato in modo corretto.

PERCHÉ FARE LA MANUTENZIONE DELLA CALDAIA?

Non a caso, la manutenzione della caldaia è ormai da molti anni obbligatoria per legge: e qui veniamo al secondo motivo di una buona manutenzione. Ciascun comune, in modo autonomo, stabilisce le cifre: ma le sanzioni, per chi non fa la manutenzione della caldaia, sono previste dappertutto. E si devono pagare. Infine, occhio alla tasca e all’aria che respirate. La buona manutenzione, infatti, garantisce che non ci siano dispersioni, inefficienze e sprechi derivanti dal cattivo funzionamento dell’impianto: e quindi consente di abbassare la bolletta. Al contrario, una caldaia trascurata consuma di più, molto di più, e quindi è un costo del tutto inutile. Al minore consumo, una volta eliminati le inefficienze, c’è poi da aggiungere un fondamentale effetto collaterale: una caldaia ben revisionata inquina meno. E così i vantaggi di una singola persona o famiglia, diventano vantaggi per tutti.

LEGGI ANCHE : I consigli per riscaldare casa senza sprechi e in modo ecosostenibile

COME FARE LA MANUTENZIONE DELLA CALDAIA

Ecco alcuni consigli pratici per una buona e corretta manutenzione della caldaia, utili anche per risparmiare sul riscaldamento:

  • Controllate l’accensione, lo spegnimento e il funzionamento della caldaia. Fatelo in estate, quando l’impianto funziona meno. Spesso si verificano delle dispersioni dovute proprio al cattivo funzionamento di una delle funzioni di base della caldaia, la prevenzione in questo caso è d’obbligo.
  • Verificate il regolare funzionamento dei dispositivi di funzionamento e di comando dell’impianto: qui più che i costi è in gioco la sicurezza della vostra famiglia.
  • Aggiornate sempre il libretto dell’impianto: ogni caldaia ha il suo libretto che riporta tutti gli interventi fatti nel corso degli anni. Bisogna tenerlo in ordine, aggiornarlo e segnare con la firma del tecnico l’eventuale riparazione (è come un libretto sanitario, ci dice tutto in tempo reale sull’impianto).
  • Controllate l’integrità dei rivestimenti in fibra ceramica: sono destinati a consumarsi, e rappresentano una potenziale fonte di dispersione energetica.
  • Fate pulire eventuali incrostazioni degli scambiatori e degli elettrodi: anche qui si nasconde un potenziale spreco dell’impianto.
  • Fate rimuovere eventuali ossidazioni dei bruciatori: se non lo fate, rischiate di compromettere la caldaia e comunque consumate più energia. In questi ultimi due casi è importante rivolgersi a un esperto per procedere a manutenzione corretta.
  • Rivolgetevi sempre a tecnici specializzati ed evitate il fai da te se riscontrate qualunque malfunzionamento.
  • Manutenzione e controllo dei fumi sono entrambi obbligatori ma non sono la stessa cosa. Il controllo dei fumi è l’analisi della combustione dei fumi.
  • La manutenzione andrebbe eseguita annualmente.
  • Ricordate che la manutenzione è a spese dell’inquilino e non del locatore, qualora siate in affitto.

OGNI QUANTO TEMPO BISOGNA FARE MANUTENZIONE DELLA CALDAIA?

E’ il tecnico che installa la caldaia a dover fornire disposizioni in merito alla periodicità delle manutenzioni, che dipende anche dal tipo di impianto. Più vecchio è, più frequente dovranno essere i controlli. Altrimenti si può consultare il libretto. In ogni caso sarebbe meglio eseguirla con regolarità, evitando di far trascorrere anni tra un controllo e l’altro.

CHE COS’È LA MANUTENZIONE ORDINARIA DELLA CALDAIA?

La manutenzione ordinaria è il controllo delle diverse parti dell’impianto, soprattutto quelle più utilizzate, e quindi potenzialmente più a rischio. Per esempio la camera di combustione, la guarnizione di tenuta, gli elettrodi e via dicendo. Non corrisponde al controllo dei fumi, che va eseguito a parte, ma che può essere eseguito in concomitanza richiedendo un check up che li includa entrambi.

A regolamentare il tutto è la normativa contenuta nel DPR 74/2013 in materia di controllo e manutenzione degli impianti termici.

QUANTO COSTA LA MANUTENZIONE DELLA CALDAIA

Solitamente la manutenzione della caldaia ha un costo medio compreso tra i 70 e i 120 euro. Come già specificato, non include il controllo dei fumi che va effettuato a parte e ha un costo medio di 100-120 euro.

CHE COSA SUCCEDE SE NON SI FA IL CONTROLLO DELLA CALDAIA?

Effettuare il controllo della caldaia, quindi non solo manutenzione ma anche controllo dei fumi, è obbligatorio per legge. Sono previste sanzioni che possono andare dai 500 euro ai 3000 euro per chi non esegue la verifica.

COSA FARE OGNI ANNO ALLA CALDAIA

Abbiamo detto che nel caso della sola manutenzione, non ci sono scadenze fisse definite dalla legge, ma è il tecnico a doverci fornire indicazioni al riguardo. Mentre il controllo dei fumi va eseguito seconda una data periodicità che, tuttavia, varia a seconda del tipo di impianto e di combustibile. In via generale si va da 1 a 3 anni.

CALDAIE, LE COSE ESSENZIALI DA CONOSCERE:

  1. Caldaia: con quella a condensazione si risparmia il 30 per cento della bolletta
  2. Caldaia a biomassa: la usa una famiglia su cinque. E si risparmia il 30 per cento
  3. Caldaie a biomasse, la donna siciliana che le costruisce anche al Nord
  4. Finestre isolanti in casa: come sceglierle. Un investimento per risparmiare energia e denaro
  5. Risparmiare sul riscaldamento: 10 regole per avere calore e sicurezza. Ed eliminare gli sprechi

 

Share

<