Questo sito contribuisce all'audience di

La Sprecovia: la campagna dell’associazione “Spicchio verde” per combattere gli sprechi di cibo

Un'iniziativa promossa per sensibilizzare sulla necessità di azzerare gli sprechi alimentari con la produzione di rifiuti che essa comporta.

di Posted on
Condivisioni

CAMPAGNA CONTRO GLI SPRECHI ALIMENTARI –

La società cooperativa Spicchio Verde (ente gestore dei Centri di educazione ambientale di Acquaviva delle Fonti e Gioia Del Colle) è impegnata dal 2009 nella divulgazione delle tematiche legate alla sostenibilità ambientale. Inoltre, dal 2012, è ente gestore dei Centri di Educazione Ambientale accreditati alla rete INFEA della regione Puglia. Ha all’attivo due bandi vinti con l’assessorato alla Mobilità sostenibile ed uno con l’assessorato all’Ecologia.

LEGGI ANCHE: Spreco di cibo, 100 città del mondo in campo per evitarlo. Milano in prima fila

LA SPRECOVIA PER COMBATTERE GLI SPRECHI DI CIBO –

Per sensibilizzare sulla necessità di azzerare gli sprechi alimentari con la produzione di rifiuti che essa comporta, la società cooperativa Spicchio Verde ha ideato La Sprecovia, una campagna di sensibilizzazione che consiste in un percorso che simula un’autostrada a tre uscite principali, attraverso le quali viene mostrato l’impatto ambientale e sociale di colazione, pranzo e cena. L’obiettivo è quello di rendere i consumatori coscienti del peso degli acquisti sbagliati (confezioni in formato famiglia, offerte speciali) che ci inducono a comprare più cibo di quello che effettivamente ci serve e che il più delle volte buttiamo via perché lo lasciamo scadere o dimentichiamo di averlo comperato. Uno spreco enorme non solo di cibo ma anche di denaro.

Un’iniziativa, La Sprecovia, che ha previsto anche un “Cooking show degli scarti” durante il quale uno chef ha mostrato alla platea come riutilizzare gli avanzi del frigo attraverso semplici ricette da fare a casa.

Realizzata inizialmente nel comune di Acquaviva delle Fonti, la campagna è stata successivamente portata avanti anche da alcune aziende che si occupano di smaltimento dei rifiuti ed è diventata un’iniziativa itinerante nei comuni di Rutigliano, Trinitapoli e San Ferdinando di Puglia.

Più di 5mila le persone coinvolte nella campagna di sensibilizzazione e tra queste tantissimi bambini.

Il progetto è in concorso per l’edizione 2015 del Premio Non Sprecare. Per conoscere il bando e partecipare vai qui! 

Se il progetto ti è piaciuto condividilo su Facebook, Twitter e G+!

PER APPROFONDIRE: Lotta allo spreco di cibo, così la Danimarca è leader mondiale