Benefici animali per bambini autistici - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

I benefici degli animali per i bambini autistici: la straordinaria amicizia tra Iris e Thula

Iris Grace era una bimba chiusa in sé stessa ma non appena è arrivato in casa Thula, il suo meraviglioso gatto, tutto è cambiato.

Condivisioni

BENEFICI ANIMALI PER BAMBINI AUTISTICI –

Quante volte rientrando a casa dopo una lunga giornata il nostro cane o il nostro gatto ci ha rubato un sorriso? Ormai sono diversi anni che la comunità scientifica ha riconosciuto il contributo che le terapie svolte con gli animali possono avere nella cura di molte malattie. Iris Grace, ad esempio, è una bambina autistica di sei anni ma grazie all’aiuto di Thula, il suo gatto, ha cominciato a parlare e a interagire con le persone.

LEGGI ANCHE: Il vademecum dell’amicizia per comunicare con i bambini autistici

IRIS GRACE HALMSHAW –

Prima dell’arrivo di Thula, Iris Grace, inglese di Market Harborough, era una bimba chiusa in sé stessa ma non appena ha visto il gatto ha cominciato subito a rivolgergli la parola. Da quel momento Iris Grace e Thula sono diventate inseparabili: il gatto la segue ovunque, anche mentre la bimba nuota in piscina. Come potete vedere nel video, Iris Grace e Thula si divertono a nuotare e giocare insieme in acqua.

IRIS GRACE DIPINTI –

E Iris Grace è anche un’apprezzata pittrice: la bambina infatti è molto conosciuta a livello internazionale per i suoi dipinti in stile Monet .

IL LIBRO SU IRIS GRACE –

La mamma della bambina, Arabella, ha deciso di raccontare la storia della figlia e della sua meravigliosa amicizia con Thula in un libro in cui vi sono anche le immagini dei dipinti realizzati da Iris Grace. L’obiettivo è quello di sensibilizzare sull’autismo e dimostrare che i risultati raggiunti da Iris Grace possono riguardare anche tutti gli altri bambini affetti da autismo.

GUARDA LE IMMAGINI DI IRIS GRACE E THULA:

(Le immagini sono tratte dalla pagina Facebook Iris Grace Painting)

PER APPROFONDIRE: L’azienda in cui l’autismo è una ricchezza