BeeApp Banco Alimentare Roma - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

BeeApp, l’applicazione per recuperare e distribuire gli alimenti in eccedenza

Dalla collaborazione tra la Fondazione Telecom e l'associazione Banco Alimentare Roma è nata BeeApp, l'applicazione che consente di gestire e organizzare la distribuzione delle risorse alimentari in eccedenza, per combattere gli sprechi e aiutare chi ne ha più bisogno.

Condivisioni

BEE APP BANCO ALIMENTARE ROMA –

Combattere lo spreco di cibo e, allo stesso tempo, aiutare chi ne ha più bisogno, attraverso la tecnologia: questo l’obiettivo portato avanti dall’associazione Banco Alimentare Roma attraverso l’applicazione BeeApp, uno strumento in grado di favorire l’interazione diretta fra i punti di vendita atti alla distribuzione di alimenti e le strutture solidali e caritative, per recuperare i beni alimentari in eccedenza, altrimenti destinati allo smaltimento.

LEGGI ANCHE: Aumentano i panifici italiani che scelgono di donare il pane ai poveri, ecco quali sono

ASSOCIAZIONE BANCO ALIMENTARE ROMA –

L’associazione Banco Alimentare Roma riunisce i volontari desiderosi di impegnarsi in attività di sostegno a persone in difficoltà presenti nella città di Roma e nella Regione Lazio. Dal 1990 collabora con i comparti dell’industria e della grande distribuzione per evitare lo spreco di derrate alimentari non più commerciabili a causa di scadenza ravvicinata, confezioni danneggiate o errate, e provvedere al sostentamento delle persone bisognose. Fa parte dell’Albo degli Enti riconosciuti dall’Agea (Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura) da cui riceve – in linea con il Regolamento UE 223/2014 – i prodotti alimentari che poi distribuisce in 400 Strutture Caritative Territoriali a cui si rivolgono quasi 150.000 persone in stato di necessità.

BEE-APP

Nel 2015 l’Associazione ha ricevuto dall’AGEA 1.973 tonnellate di prodotti che hanno rappresentato circa il 66 per cento del totale delle derrate alimentari distribuite nell’anno alle strutture caritative della sua rete. Tra le altre attività promosse dall’associazione c’è anche la “Raccolta Alimentare di Solidarietà”, un’iniziativa che si svolge, ogni anno, nel periodo compreso tra febbraio e marzo e che coinvolge circa 430 supermercati di Roma e del Lazio. Il 28 febbraio 2015, data dell’ultima edizione, circa 2.500 volontari hanno raccolto 322 tonnellate di alimenti, poi direttamente utilizzati dagli enti.

0001(6)

COME FUNZIONA BEE APP –

BeeApp è stata creata nel 2015 con il contributo della Fondazione Telecom e consente ai responsabili di supermercati, negozi e distributori alimentari in genere di segnalare le eccedenze di alimenti deperibili presso i propri esercizi commerciali. L’applicazione è facile da usare ed innesca un circolo virtuoso che coordina efficientemente enti diversi. A fine giornata il negoziante scrive una mail contenente informazioni sui prodotti in eccedenza, di seguito un algoritmo seleziona le associazioni caritatevoli considerando la vicinanza al punto vendita che ha inviato la segnalazione e il tipo di alimenti da distribuire. Quindi l’assegnazione procede considerando i primi risultati dell’elenco, i quali vengono avvisati con una notifica sullo smartphone e si procede al ritiro della merce.

BEE-APP-1

POTENZIALITÁ ED IMPIEGO –

Già in fase di sperimentazione sono stati numerosi i supermercati ad aderire al network. L’obiettivo è estendere l’uso dell’applicazione ai punti vendita delle catene già coinvolte nel progetto e ampliare il numero di catene aderenti all’iniziativa. Un’ulteriore potenzialità è quella di rendere accessibile l’utilizzo dell’app anche ai singoli cittadini così da consentire donazioni di prodotti alimentari rafforzando i legami di solidarietà e diffondendo una cultura anti spreco attraverso una soluzione pratica e veloce. Questo traguardo è sempre più vicino grazie anche alle raccolte annuali di solidarietà organizzate dal Banco, che hanno consolidato nel tempo una forte empatia e propensione alle donazioni da parte dei clienti dei supermercati.

Il progetto è in concorso per l’edizione 2016 del Premio Non Sprecare. Per conoscere il bando e partecipare vai qui!

Se il progetto ti è piaciuto condividilo su Facebook, Twitter e G+!

PER APPROFONDIRE: Sfogliatelle e rustici gratis ai clochard, il gesto generoso di un pasticciere napoletano