Questo sito contribuisce all'audience di

Auto elettriche e auto a idrogeno: sogni di marketing solo per case automobilistiche?

di Posted on
Condivisioni

Secondo un recente studio Future of Mobility Roadmap condotto dal Dr Oliver Inderwildi e sotto la direzione di David King della The Smith School of Enterprise and the Environment dell’Universita’ di Oxford, da qui al 2030 rischiamo di trovarci sulle strade del Pianeta 2 miliardi di veicoli a causa delle pressanti richieste di Cina e India, che inquineranno sempre piu’ l’atmosfera.Il rapporto, dunque, fornisce quella che e’ un’istantanea dell’attuale situazione proiettandola fino al 2050, anno in cui e’ prevista una possibile diffusione dei veicoli a idrogeno se la tecnologia ci assiste.
Le case automobilistiche da un paio di anni lanciano novita’ ma solo sui media: auto elettriche e auto a idrogeno per ora sono ben lontane dai mercati; a essere apprezzate, per ora le auto a metano e le auto a GPL.
Sebbene lo scorso settembre sette produttori – Daimler, Ford, General Motors, Honda, Hyundai, Kia, Renault-Nissan e Toyota abbiano pubblicato una dichiarazione congiunta in cui si impegnano a partire dal 2015 a immettere sul mercato un numero consistente di veicoli elettrici e a idrogeno, per certo sappiamo che per ora si tratta di poche centinaia di pezzi. Secondo Oliver Inderwildi, le auto a idrogeno non sarebbero altro che un espediente di marketing:

Le aziende automobilistiche dovrebbero essere piu’ oneste verso le scelte che adottano. La loro tesi e’ che la gente possa continuare a guidare un 4X4, perche’ in un paio di anni saranno in grado di passare a una cella a combustibile 4X4. Noi pensiamo che non accadra’ e che bisogna invece ridurre il consumo di carburante con auto piu’ piccole e piu’ leggere.