Aumento delle temperature, a rischio le regioni tropicali - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Riscaldamento globale, le regioni tropicali potrebbero presto diventare invivibili

Se non verrà scongiurato l’aumento di oltre 1,5 gradi, zone come Messico, Libia, India, Brasile, Madagascar e le regioni settentrionali dell’Australia potrebbero diventare inadatte alla vita

Lo scenario potrebbe presto diventare quello che tante volte abbiamo visto nei film apocalittici. Il riscaldamento globale, se non si dovesse scongiurare l’aumento delle temperature oltre 1,5 gradi rispetto all’era pre-industriale, potrebbe tramutare presto le regioni tropicali in posti inadatti alla vita umana.

AUMENTO TEMPERATURE A RISCHIO REGIONI TROPICALI

È quanto emerge da uno studio fatto da un gruppo di ricerca dell’Università di Princeton e comparso su Nature Geoscience. Per i ricercatori, con un aumento sostenuto delle temperature, le aree della fascia tropicale su entrambi i lati dell’equatore potrebbero diventare invivibili a causa dell’aumento del calore e dell’umidità.

LEGGI ANCHE: Abbiamo lanciato una newsletter per raccogliere i migliori contenuti di Non sprecare. Per iscriversi basta cliccare qui

RISCHI AUMENTO TEMPERATURE

Una prospettiva catastrofica, considerando che interesserebbe vaste aeree di Paesi come: Libia, India, Brasile, Madagascar e le regioni settentrionali dell’Australia. Luoghi dove attualmente vive circa il 40% della popolazione mondiale. Questa situazione, come dimostrano diversi altri studi, potrebbe presto interessare intere aree del Medio Oriente, della Cina e dell’India.

PER APPROFONDIRE: Riscaldamento globale, i luoghi più a rischio nel mondo. C’è anche il nostro Mediterraneo, dove l’acqua evapora

RISCALDAMENTO GLOBALE PERICOLI

Tra i fattori più pericolosi dell’aumento della temperatura c’è l’impennata dell’umidità. In condizioni troppo umide, infatti, il corpo umano non riesce a rinfrescarsi tramite l’evaporazione del sudore. Il nostro corpo ha una temperatura che resta relativamente stabile intorno ai 37 gradi, mentre la pelle si attesta a qualche grado di meno per consentire al calore di concentrarsi all’interno dell’organismo. Se però un ambiente è troppo umido il corpo umano non ha la possibilità di rinfrescarsi abbastanza con il sudore e la temperature corporea si alza aumentando notevolmente il rischio di morte.

LE PICCOLE E GRANDI BATTAGLIE PER SALVARE IL PIANETA

Share