Come si apre un negozio Ape car

Vendono di tutto: dal cibo all'abbigliamento. E si aprono senza troppi soldi e pratiche burocratiche. Guidati innanzitutto da donne

ape car

APE CAR NEGOZIO

C’è il pescivendolo, ma anche il venditore di formaggi e salumi a chilometro zero. Poi arriva il fruttivendolo, e con lui compare anche chi vende libri o abiti nuovi e usati. In comune hanno solo una cosa fondamentale: rappresentano il nuovo commercio itinerante, in tutta Italia, nei borghi come nelle grandi città, grazie a splendide e colorate Apecar.

LEGGI ANCHE: “Street book philosophy”, a Sarzana, in Liguria, la libreria itinerante Bartleebee

COME SI APRE UN NEGOZIO CON APE CAR

Chi l’ha detto che un negozio o un ristorante debbano essere ospitati per forza sotto un tetto? Da qualche anno a questa parte la nuova tendenza è allestire un’Ape Car, per portare i prodotti agli angoli delle strade. Così non solo il cibo, con panini e hamburger, è diventato itinerante ma anche articoli di abbigliamento, prodotti per la casa, libri e utensili. E c’è anche chi, come Corrado Rizza, per tutti Corradino, la sua Ape Car la utilizza come calessino per girare Noto, in Sicilia, e llustrare ai turisti la storia e le bellezze del suo paese. Secondo i dati della Federazione venditori ambulanti sono ormai 22mila i nuovi punti vendita itineranti, su mezzi come l’Ape car, messi in pista negli ultimi cinque anni, specie al Sud. A guidarli in maggioranza, quasi per il 50 per cento, ci sono stranieri e donne.

APE CAR NEGOZIO ITINERANTE: I VANTAGGI

Il grande vantaggio di questa pratica commerciale è la facilità con la quale può essere avviata e il basso livello dei costi. Non bisogna pagare affitti o muti per un negozio, né rincorrere a peso d’oro una licenza commerciali. Tutto semplice. Basta aprire una partita Iva, ottenere una licenza itinerante dal comune, iscriversi al registro delle imprese della Camera di Commercio, all’Inps e all’Inail, immatricolare il proprio mezzo come «veicolo speciale per un negozio» e fare il pieno di benzina. Il costo? Dai 5mila ai 10mila euro.

MOVING SHOP

Inoltre il commercio a bordo dell’Ape si può impiantare entrando in una rete di franchising. È quello che propone, per esempio, Moving Shop che ha già 24 boutique tra l’Italia, la Spagna e la Costa Azzurra. Ed è il format con il quale si sta consumando la rivoluzione culinaria in America all’insegna del Non sprecare. Soltanto a New York, infatti, ci sono 500 venditori ambulanti attrezzati con  food cart, carretti trainabili per la vendita del cibi, con una tecnologia green, ibrida o completamente elettrica. I nuovi cart, che produrranno il 60 per cento in meno di emissioni di gas serra e il 95 per cento in meno di inquinamento derivante dallo smog, sono alimentati da pannelli solari e hanno generatori a gas naturale al posto di quelli tradizionali. Infine, sono tutti forniti di apparecchi per il pagamento con carte di credito.

COME SI APRE UN APE CAR RISTORANTE

Aprire un piccolo ristorante con un’ape car è sicuramente meno complesso dell’apertura di un normale locale per pranzi e cene. Le pratiche sono più snelle, anche perché lo street food viene molto incentivato nei piccoli centri, c’è la possibilità di fare network con altri ape car, e i costi di gestione sono certo più bassi rispetto al tradizionale ristorante. Piuttosto, esistono cibi più adatti per il ristorante ape car: pizze, panini, hamburger, cucina asiatica, frutti, e ovviamente dolci e gelati. L’unico inconveniente restano i costi: per avviare l’attività comunque si parte da una spesa attorno ai 20mila euro.

APE CAR GUIDA TURISTICA

Una delle attività che si è molto sviluppata attraverso l’uso dell’ape car è quella della guida turistica. A Matera c’è un servizio di Ape tour per visitare i Sassi. Ma l’Ape car più nota come guida turistica è di Corrado Rizza, un ex fruttivendolo di Noto che porta in giro i suoi clienti raccontando i segreti e le bellezze della cittadina siciliana.

APE FLOWER

Valentina Marchese, palermitana di nascita ma trevigiana di adozione, ha inventato qualcosa in più di un negozio di fiori con il suo Ape Flower. Attraverso una pagina Facebook, intitolata I fiori che verranno, dove si trova anche il recapito telefonico della donna, Valentina non offre soltanto fiori e articoli floreali, ma anche un’attività a tutto tondo per allestimenti, eventi, matrimoni e feste, sistemazione delle vetrine dei negozi.

(Le immagini sono tratte dalla pagina Facebook di Moving Shop)

STORIE PER SALVARE IL PICCOLO COMMERCIO:

KuBet
KUBet - Trò chơi đánh bài đỉnh cao trên hệ điều hành Android
Torna in alto