Adottare cani malati e disabili - Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

La storia del progetto Quasi, che trova una casa a cani anziani, malati o disabili

Dal 2009, più di 300 "mostriciattoli" hanno trovato casa grazie alle volontarie: cani anziani, malati, disabili, neurolesi o con difetti congeniti. Perché nessuno deve morire solo

La bellezza è un valore cardine della nostra società: tendiamo a valutare tutto ciò che ci circonda con un metro di giudizio estetico, come avessimo davanti due grandi bidoni di latta. Da una parte il bello, dall’altra il brutto. Lo facciamo al supermercato, condannando la frutta e la verdura “brutta” a una fine sicura nel pattume, oppure nelle scelte quotidiane, quando semplicemente preferiamo un locale rispetto a un altro in base all’insegna, al volantino o alla vetrina. Niente di troppo grave, ma cosa succede quando a essere sottoposti allo scanner della bellezza sono esseri viventi?

LEGGI ANCHE: “Mi affido a te”: l’iniziativa per sensibilizzare all’adozione dei cani disabili

ADOTTARE CANI MALATI E DISABILI

Succede che canili e rifugi sono pieni di cani e gatti che corrono il rischio di trascorrere la vita in un recinto per via dell’aspetto non propriamente perfetto. Cani anziani, malati, con varie  problematiche e con corpi non perfetti, che sono, come denunciano spesso gli operatori di canili e gattili, scartati a priori nel processo di scelta pre-adozione. Tagliati fuori dalla possibilità di una nuova casa e dal ricevere amore per via del proprio aspetto e delle difficoltà che hanno. Un’ingiustizia. Nessuno penserebbe mai ad adottare un “mostriciattolo”, eppure c’è chi da questa spinta verso i più deboli tra i deboli ha pensato di tirare fuori un progetto pieno di vita e di speranza. E carico di ironia.Nasce così il progetto Quasi, pensato per supportare e sostenere le adozioni di cani che verrebbero considerati “di scarto”, inadottabili: dal 2009 Quasi ha trovato un posto dove stare a più di 300 cani disabili, neurolesi, malati o anziani.

Fabiana Rosa, fondatrice del progetto, di ironia e sorrisi ne sparge a iosa, a partire dal suo lavoro, la terapista di bambini con problemi neurologici. Ovvio che, poi, abbia sviluppato un modo originale di intendere la “normalità” e la “diversità”, Per questo si adopera, insieme alle volontarie, a trovare una casa ai cani poco appetibili, recuperati dai canili e dai rifugi. Lo fa con una precisa consapevolezza, fedele ad una delle regole del marketing: se non puoi coprire un difetto, esaltalo. Perciò, seguendo una precisa strategia comunicativa, sia i nomi dei cani che gli annunci sono ironici, divertenti, quasi surreali. Come quello di Megamind, cagnolina idrocefala di 5 mesi, o di Einstein, epilettico e pieno di tic, con i postumi del cimurro, ma che, alla fine ha trovato padroni e una nuova casa.

adottare cani malati e disabili

PER APPROFONDIRE: Leggere fiabe ai cani nei canili per prepararli all’adozione: il progetto negli Stati Uniti

PROGETTO QUASI

Puntare sull’aspetto divertente è utile e vincente per non indugiare solo sulle diffcoltà e le tragedie che spesso ci sono dietro la vita di questi cani: spesso maltrattati, picchiati, usati come cani da combattimento o abbandonati dalle precedenti famiglie appena avuta la diagnosi di una malattia o un difetto congenito. Non solo, pare funzionare. Non è un caso che uno dei motti del progetto sia “non esistono cani inadottabili”, bisogna solo trovare il padrone giusto.  Fabiana stessa ne è l’esempio: dopo Mela, una piccola french bulldog perfetta nei suoi standard di razza, pedigree, raduni dedicati. Poi, l’illuminazione, e l’arrivo di Quasi, una cagnolina con una malformazione genetica, chiamata sindrome del cane babbuino a spina corta, che la porta ad avere una grave scoliosi, due gobbe, il bacino storto, le zampe anteriori più corte delle posteriori, una codina piccolissima. In più, Quasi non può muovere il collo.

Per la sua padrona, Quasi è stata un’epifania: tutte le persone le sottolineavano il suo aspetto fisico non proprio perfetto, le chiedevano spesso chi glielo avesse fatto fare. La risposta di Fabiana Rosa è stata proprio la nascita del progetto intitolato alla sua cagnolina, inizialmente pensato per pagare le cure e le operazioni necessarie alla sua sopravvivenza. Partendo dalla vendita di magliette e spille, per poi arrivare alla creazione di una vera e propria casa famiglia,un luogo tranquillo che ospita fino a 5 cani per volta, solitamente almeno un cane disabile, un cane anziano e due randagi,  che lì sono coccolati, nutriti, curati ed educati. Perché nessuno merita di morire solo, nemmeno i “mostriciattoli”.

(Immagini in evidenza e a corredo del testo tratte dalla pagina Facebook del progetto Quasi)

AMICI A QUATTRO ZAMPE:

Shares