Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Le piante da annaffiare in estate. Per non sprecare acqua, scegliete l’ora giusta e fate la pacciamatura (foto)

Recuperate per le piante qualsiasi tipo di acqua utilizzata per usi domestici. Quella per lavare frutta e verdura, quella per cuocere la pasta, quella che avanza in bagno. Il momento migliore? Il mattino presto, o la sera dopo il tramonto.

Condivisioni

COME ANNAFFIARE LE PIANTE SENZA SPRECARE ACQUA 

Prima regola: cercate di riutilizzare tutta l’acqua che usate in casa. Quella per lavare frutta e verdura o per bollire la pasta. Quella rimasta nella vasca da bagno. Quella piovana recuperata attraverso qualche bacinella o contenitore. L’orto e il giardino possono essere una grande fonte di sprechi di acqua, a tutto danno delle vostre bollette e di un consumo che abbiamo il dovere etico di ridurre.

LEGGI ANCHE: Orto sul balcone, gli ortaggi e il terriccio da scegliere. La distanza da rispettare per ciascuna piantina (foto)

COME ANNAFFIARE LE PIANTE 

Per annaffiare bene le piante in estate ci sono alcune regole essenziali da seguire, a partire dell’orario giusto, che si traducono anche in un minore livello di consumi di acqua:

1) Per cominciare, se in genere mangiate senza sale, riutilizzate l’acqua di cottura della pasta o delle verdure per annaffiare le piante sul balcone o in giardino: è sufficiente farla raffreddare in modo da adoperarla a temperatura ambiente.

2) Disponete, sotto le grondaie o in giardino, alcuni contenitori: in caso di pioggia, vi permetteranno di recuperare acqua utile per l’irrigazione.

3) Ricordate che il momento migliore per annaffiare le piante, soprattutto durante la bella stagione e in estate, è al mattino presto o la sera: se la terra è ancora calda, l’acqua evapora più facilmente.

PER APPROFONDIRE: Dove la mancanza di acqua scatena guerre che poi arrivano nelle nostre case, leggetelo in questo libro

4) Proteggete le piante con la pacciamatura: potrete così rallentare l’evaporazione dell’acqua mantenendo umido il terreno e favorendo il benessere delle piante. Vi basterà ricoprire il terreno con erba, foglie, paglia o ghiaia.

5) Preferite un sistema di irrigazione automatico a quello a goccia: impiega una minore quantità di acqua e, soprattutto, è in grado di distribuirla meglio.

6) Infine, al momento della semina, scegliete sempre piante e ortaggi adatti alle condizioni climatiche della zona in cui vivete e alle cure che riuscirete a dedicargli.

COME CURARE L’ORTO IN ESTATE:

 

LEGGI ANCHE:

Nessun commento presente

Che ne pensi?