Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

“Badante di condominio”: a Milano il progetto per offrire assistenza condivisa agli anziani

Una sperimentazione al momento in corso presso uno stabile di piazzale Dateo 5 ma che presto verrà estesa anche ad altri palazzi in altre zone della città. Ecco quali e in che cosa consiste il progetto.

Condivisioni

BADANTE DI CONDOMINIO MILANO –

Ha preso il via a Milano il progetto “Badante di condominio” promosso dal Comune per fornire un’assistenza condivisa alle persone anziane che vivono nello stesso palazzo e che non hanno bisogno di cure continuative.

LEGGI ANCHE: Il cohousing degli anziani allunga di 10 anni la loro convivenza

IL PROGETTO BADANTE DI CONDOMINIO –

Una sperimentazione che rientra nell’ambito dello sportello CuraMi del Comune di Milano che si pone l’obiettivo di mettere in contatto la domanda e l’offerta di assistenti familiari e baby sitter e al momento avviata presso uno stabile di piazzale Dateo 5 in cui sono sei i residenti coinvolti ma che a breve verrà estesa anche ad altri palazzi situati in via Scaldasole 5 (zona 1), via Soffredini 27 (zona 2), via Salomone 62-64 (zona 4), via Neera angolo Barrili (zona 5), via Teramo 31 (zona 6), via San Romanello 34 (zona 7), via Pascarella 18-20 (zona 8) e via Ciriè 1 (zona 9). In via di individuazione lo stabile della zona 3.

Quattordici le cooperative accreditate a cui è stato affidato lo svolgimento del progetto. L’assistenza alle persone anziane viene garantita per 24 ore alla settimana e mira anche ad aiutare le persone a conoscersi e ricostruire quel tessuto sociale che si sta perdendo nei contesti cittadini.

È stato inoltre predisposto un gruppo di lavoro specifico che si occuperà del monitoraggio della sperimentazione in modo da valutare la qualità dell’assistenza erogata alle persone anziane.

Un progetto importante che speriamo si diffonda presto anche in altre città.

PER APPROFONDIRE: Smart city su misura per anziani, così le città si trasformano