Questo sito contribuisce all'audience di

L’Italia in pedalò: da Lignano Sabbiadoro a Molfetta per aiutare i malati gravi

Alessio Rossetto e Antonio Guarnieri sono partiti da Lignano Sabbiadoro (Udine) alla volta di Molfetta (Bari) a bordo di un catamarano a propulsione umana. Obiettivo: offrire sostegno a malati gravi e alle loro famiglie.

di Posted on
Condivisioni

C’è chi trascorre le vacanze al mare, chi in montagna. Chi sceglie vacanze green e chi viaggia con il baratto. Questa invece, è la storia di Antonio e Alessio, che hanno scelto di trascorrere le loro ferie a bordo di un pedalò lungo le coste dell’Adriatico per raccogliere fondi destinati all’accoglienza dei malati terminali e delle loro famiglie. È questo l’obiettivo dei due friulani Alessio Rossetto e Antonio Guarnieri, rispettivamente classe 1976 e 1971, agente di commercio il primo, addestratore cinofilo e agente pubblicitario il secondo, che utilizzeranno le proprie vacanze per una sfida benefica.

LEGGI ANCHE Vacanze verdi: il manuale di bon ton per rispettare la natura

L’ITALIA IN PEDALO’. “L’Italia in pedalò – Cycling Adriatic Sea 2014” – questo il nome dell’impresa – è partita dalla spiaggia di Lignano Sabbiadoro (Udine) il 27 luglio 2014 con l’obiettivo di raggiungere Molfetta (Bari), tappa dopo tappa lungo la costa adriatica, a bordo di un catamarano a propulsione umana. L’arrivo previsto è per l’11 agosto, dopo circa 850 km, pedalando 10 ore al giorno e senza troppe comodità: si dorme in spiaggia accanto al pedalò, arrangiandosi con un fornellino da campeggio e ripartendo all’alba del giorno dopo.

LO SCOPO BENEFICO. L’obiettivo benefico è al centro di questa sfida: Alessio e Antonio vogliono aiutare l’associazione Il Gabbiano Amici dell’Hospice di San Vito al Tagliamento (Pordenone), onlus che accoglie e assiste le persone giunte a uno stadio di malattia terminale e i loro familiari, offrendo loro aiuto e conforto per affrontare questo difficile percorso. Il denaro raccolto quest’anno sarà destinato all’acquisto di pompe di infusione per la terapia del dolore.

LEGGI ANCHE Mangiare low cost in viaggio: i trucchi da adottare

L’impresa conta sul sostegno di Breda Smile, la “divisione benefica” dell’azienda Breda di Sequals (Pn), leader nel settore dei portoni garage. L’azienda, guidata dalla famiglia omonima, ha creduto nell’impresa di Alessio e Antonio, e ha acquistato il catamarano “professionale” che ha permesso loro l’impresa. Si può donare su www.bredasmile.com.

Tutta l’impresa di Antonio e Alessio sarà raccontata via Facebook e Twitter alla voce Italiainpedalo. Forza ragazzi!