Stefano e Lorenzo, 82 e 22 anni: insieme salvano un parco alla periferia di Roma

Il Parco della Torricella ha una superficie di 5mila metri quadrati. Era un’area abbandonata, adesso c’è anche una zona per i giochi dei bambini. E le panchine con il legno riciclato

stefano vajda

Una coppia di militanti che proteggono il verde urbano. Un anziano pensionato e un giovane studente che collaborano per curare, insieme e con l’aiuto dei residenti della zona, un grande parco destinato all’abbandono. Stefano Vajda, 82 anni, ha iniziato già da tempo il suo lavoro di volontario nel Parco della Torricella, nel quartiere Serpentara, periferia di Roma. Adesso lo affianca Lorenzo Miglionico, studente, e insieme hanno preso in adozione l’intera zona. «Siamo una bella coppia, e facciamo tante cose fianco a fianco. Dai lavori di falegnameria al giardinaggio» racconta Stefano Vajda. «Per me Stefano è un nonno acquisito, e ho tante cose da imparare da lui, anche se non la pensiamo sempre alla stesso modo…» racconta Lorenzo Miglionico.

PARCO DELLA TORRICELLA

Il Parco della Torricella, grazie a Stefano e adesso anche a Lorenzo, ha cambiato faccia. Prima era soltanto una discarica a cielo aperto, un’area di 5mila metri quadrati completamente abbandonata, come il casale che si trova al suo interno. Che hanno fatto questi straordinari volontari?

  • Innanzitutto Stefano Vajda, ex odontotecnico, è andato avanti e indietro per il Parco della Torricella per fare pulizia ed eliminare piante malate ed erbacce.
  • Poi è stato creato un prato e sono state messe a dimora altre piante, di diverse specie.
Foto di Romah24

LEGGI ANCHE: Yacouba Sawadogo: l’uomo che ha fermato il Sahara. Piantando alberi con una tecnica antica

STEFANO VAJDA

Il lavoro di cura del terreno viene svolto con un semplice trattorino, di proprietà di Stefano. Per le piante, invece, attraverso il crowdfunding di quartiere sono stati raccolti i fondi necessari per gli acquisti. E poi si è andati avanti con la piantumazione. Gli arredi, infine. Stefano e Lorenzo, in una piccola falegnameria, hanno realizzato le panchine per il parco, recuperando i tronchi degli alberi abbattuti. E poi è stata creata, con materiale di riciclo e attraverso altre donazioni, un’intera zona destinata a parco giochi per i bambini.

panchine parco
Foto di Romah24

LE STORIE DI CHI PIANTA ALBERI E SI PRENDE CURA DEL VERDE URBANO:

KuBet
KUBet - Trò chơi đánh bài đỉnh cao trên hệ điều hành Android
Torna in alto