Risorse Future, l'azienda che produce scarpe vegane - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Risorse Future, eleganza e creatività per scarpe vegane e completamente animal-free. FOTO

Di base a Monte Urano, nelle Marche, patria delle scarpe Made in Italy, questa azienda realizza in maniera ecosostenibile calzature con materiali vegetali, soprattutto canapa e cotone, senza rinunciare allo stile

Sono sempre di più, in giro per il mondo, le grandi firme che si stanno convertendo alla moda sostenibile. Dall’utilizzo di materiali vegetali allo sfruttamento di tecniche di produzione a basso impatto ambientale, anche il mondo dell’abbigliamento ha capito che c’è bisogno di una svolta green. Una necessità che un’azienda marchigiana, Risorse Future, ha colto in pieno, facendo della sostenibilità il suo tratto distintivo.

RISORSE FUTURE SCARPE VEGANE

Con sede a Monte Urano, nella regione famosa nel modo per le scarpe Made in Italy, le Marche, questa azienda ha cominciato a produrre calzature vegane, ossia cruelty-free e completamente animal-free. Grazia anche ad una lunga esperienza, che risale addirittura al 1955, Risorse Future per i suoi prodotti utilizza materiali vegetali, soprattutto canapa e cotone. Quest’ultimi vengono lavorati sapientemente dalle mani esperte degli artigiani marchigiani dando vita a scarpe sostenibili e fortemente influenzate dal classico design italiano.

LEGGI ANCHE:

SCARPE E BORSE CRUELTY FREE

La produzione, che comprende anche borse, trae tutti i vantaggi della filiera locale, essendo svolta interamente nei pressi dell’azienda e senza lavorazioni, e trasporti, esterni. Il tutto quindi a chilometro zero. I prodotti di Risorse Future, non utilizzando alcun materiale di provenienza animale, hanno ricevuto la classificazione Vegan Society e l’intera produzione, non servendosi di alcun derivato animale, è stata classificata VVV+, ovvero il migliore livello del rating etico Animal Free Fashion ideato dalla LAV Lega Anti Vivisezione.

SCARPE IN CANAPA

“La calzatura – spiega l’azienda – è il risultato di molte fasi di lavorazione (se ne contano più di ottanta!), quindi la nostra ricerca di ottimizzare il processo produttivo non può che essere il frutto di un’attenta riconsiderazione di tutti i suoi passaggi. Nella decisione di produrre calzature 100% vegane, due sono state le scelte fondamentali che stiamo portando avanti: i materiali e le modalità di produzione. La nostra attenzione è rivolta verso materiali innovativi che rispettano l’ambiente senza alcuna perdita di comodità e utilità. Le nostre scarpe sono leggere, durevoli e confortevoli”. Nello specifico, la canapa consente di ottenere un tessuto morbido e confortevole da indossare. Grazie alla sua fibra cava, spiegano “è fresco in estate e caldo in inverno, è in grado di assorbire l’umidità del corpo – tenendolo asciutto – e il calore dal corpo disperdendolo all’esterno. La resistenza agli strappi inoltre è tre volte maggiore a quella del cotone, e tra le fibre naturali è quella che meglio resiste all’usura”. Inoltre la canapa va considerata una fibra viva, motivo per il quale una scarpa che utilizza questo tessuto, se esposta all’aria per una notte, è in grado di rigenerarsi perdendo gli odori di cui è impregnata.

Le foto sono tratte dalla pagina Facebook di Risorse Future.

Il progetto è in concorso per l’edizione 2019 del Premio Non Sprecare. Per conoscere il bando e partecipare vai qui!

Se il progetto ti è piaciuto condividilo su Facebook, Twitter e Instagram

I PROGETTI IN CONCORSO PER IL PREMIO NON SPRECARE:

Shares