Riconversione aree industriali dismesse - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Bagnoli, la grande occasione sprecata per salvare Napoli

La riconversione di ex aree industriali ha cambiato il volto di città come Torino (con il Lingotto) e di Milano (con la Bicocca-Pirelli). Solo Napoli è rimasta ferma, e si vede…

di Posted on
Condivisioni

RICONVERSIONE AREE INDUSTRIALI DISMESSE –

Bagnoli rappresenta un enorme spreco. È l’unica area industriale dismessa che, finora, non è stata riconvertita in una grande città italiana. Eppure potrebbe cambiare in modo radicale il destino di Napoli.

LEGGI ANCHE: La fabbrica di Bari che, dal 1972, continua a uccidere per l’amianto

I CASI DI TORINO E MILANO –

Per capirlo, basta dare uno sguardo ai quartieri, perché di quartieri si tratta, che sono sorti a Torino, nell’area del Lingotto (Fiat), ed a Milano nell’area Bicocca (Pirelli). Nel primo caso è stato creato un polo fieristico con auditorium, spazi espositivi, centri commerciali, alberghi e ristoranti. Il cartellone delle fiere di Torino, per il 2016, prevede ben 36 appuntamenti, alcuni di livello internazionale: dal libro all’arte contemporanea, dal design al cibo. Grazie a questo volano di nuova economia, Torino ha accolto lo scorso anno 7 milioni di visitatori, il doppio rispetto al Duemila, ed è diventata la quarta città italiana, dopo Roma, Venezia e Firenze, per numero di turisti.

Alla Bicocca, invece, nell’ex area industriale della Pirelli, è nato Un Polo universitario e Tecnologico (con una decina di facoltà da Economia a Medicina), la sede di Centri di ricerca strategici e di grandi imprese (Pirelli, Siemens, Deutche Bank,  etc…), l’epicentro di attività culturali con il Teatro degli Arcimboldi, il secondo in città dopo la Scala, e l’Hangar Bicocca, primo spazio espositivo milanese per l’arte contemporanea. Inoltre la Bicocca è un quartiere residenziale, con edilizia pubblica e privata, e 300mila metri quadrati di spazi verdi e servizi pubblici. Una Milano bis, insomma.

RICONVERSIONE AREA INDUSTRIALE BAGNOLI –

Il Lingotto e la Bicocca, Torino e Milano, due esempi in Italia del valore e delle potenzialità di un’efficace riconversione urbanistica.  Due grandi fabbriche che tornano a vivere, sotto nuove sembianze. Due operazioni urbanistiche maturate negli anni Ottanta, quando anche a Bagnoli il destino della sua fabbrica siderurgica era segnato. Peccato che Napoli, solo Napoli, sia rimasta ferma, e speriamo che dopo la decisione di Matteo Renzi di impegnare il governo in prima linea nella riconversione della zona, finalmente sia la volta buona per vedere anche a Napoli la rinascita di una fabbrica.7

(Fonte immagine: L’Espresso napoletano)

PER APPROFONDIRE: A Berceto settanta volontari salvano un’ex fabbrica e restituiscono alla città un gioiello di architettura