Questo sito contribuisce all'audience di

Racket delle case popolari, 50mila alloggi assegnati fuori legge a parenti e amici dei clan

Nelle regioni del Centro Sud si arriva fino al 90 per cento delle case popolari occupate abusivamente. Cento palazzi a Roma. Criminali italiani e clandestini stranieri: l’alleanza che spinge alla xenofobia.

di Posted on
Condivisioni

RACKET DELLE CASE POPOLARI

È un vero e proprio racket che inquina il sistema delle case popolari, oltre un milione di alloggi che dovrebbero andare alle famiglie che ne hanno diritto, secondo i requisiti previsti dalla legge. E invece vanno a chi applica un’altra legge, quella del più forte, del più prepotente. La legge dei clan.

In tutta Italia, secondo i dati di Federcasa, a fronte di circa 800mila alloggi assegnati, ce ne sono almeno 50mila occupati con prepotenza e con metodi illegali. Con una forte presenza della criminalità su questa industria che specula sulla cronica mancanza di case per i ceti più poveri del Paese. Mentre nel Nord (dove si trova il 45 per cento delle case popolari) gli abusi non superano l’11 per cento del totale, nel Centro-Sud la quota degli irregolari tocca l’89 per cento. Con punte fino al 90 per cento, come avviene negli edifici pubblici popolari del quartiere Zen. E nessuno li tocca.

LEGGI ANCHE: Affitti regalati a Roma, una giungla di sprechi e corruzione

RACKET OCCUPAZIONE CASE POPOLARI

A Roma, capitale anche del racket delle case popolari occupate, ci sono interi quartieri dove un singolare connubio tra pregiudicati italiani e clandestini stranieri ha messo le mani dell’assegnazione degli alloggi. A Tor Bella Monaca, a San Basilio, a Tor Sapienza e Ponte di Nona. Stesso discorso a Napoli, dove le liste delle assegnazioni sono controllate dai boss e dai loro aprenti.

Gli sgomberi non sono semplici. La politica locale protegge, anche in modo esplicito, gli abusivi, rivendicando le loro necessità, e infischiandosene del fatto che vengono affermate con violenza e prepotenza, ai danni di altri poveri. E le forze dell’ordine spesso preferiscono chiudere un occhio, come nel caso di ben 99 palazzi occupati abusivamente a Roma.

Il risultato è doppiamente grave. Da un lato il racket impedisce l’assegnazione di case a chi ne ha diritto, dall’altro versante soffia sul fuoco del rancore e dell’odio, fino alla xenofobia, contro gli immigrati. Secondo le regole spietate di un’assurda e micidiale guerra tra poveri.

GLI SPRECHI DELLO STATO CHE NON FUNZIONA:

  1. Vitalizi, tutte le bugie che i politici hanno detto per non toccarli a nessuno
  2. Sprechi Sanità, in Campania solo in un anno inventati 523 incarichi di primari inutili
  3. Sprechi nella Sanità, solo con gli aghi si risparmiano 132 milioni di euro. Figuriamoci con il resto…
  4. Web tax, basta rinvii. Lo Stato italiano sta perdendo decine di miliardi di euro