Questo sito contribuisce all'audience di

A Roma, per la manutenzione dei marciapiedi, asfaltati anche i platani del Lungotevere

I platani presenti sulla riva destra del fiume, tra piazza della Rovere e Ponte Sisto, sono stati asfaltati durante i lavori di rifacimento del manto stradale: un danno e uno spreco.

di Posted on
Condivisioni

PLATANI LUNGOTEVERE ROMA –

Solo ieri vi abbiamo raccontato dell’indiscriminato taglio di ben 50mila alberi avvenuto lungo il torrente Savena, alle porte di Bologna, per evitare eventuali esondazioni. Una vicenda assurda come quella che vi raccontiamo oggi e che dall’Emilia Romagna ci porta a Roma dove i lavori per la manutenzione dei marciapiedi del Lungotevere stanno mettendo a serio rischio la sopravvivenza dei platani.

Come possiamo vedere nell’immagine pubblicata da “Il Corriere della Sera” in seguito a un sopralluogo con l’assessore ai Lavori pubblici del I municipio Tatiana Campioni, quelli presenti sulla riva destra del fiume, tra piazza della Rovere e Ponte Sisto, sono stati asfaltati durante i lavori di rifacimento del manto stradale. La posa di catrame e brecciolino non ha infatti tenuto conto che, per far respirare le radici, era necessario lasciare un piccolo spazio intorno ad esse. Questo anche per permettere il passaggio dell’acqua piovana.

LEGGI ANCHE: Verde in città, abbassa la depressione e aumenta la sicurezza dei cittadini

PLATANI ASFALTATI LUNGOTEVERE ROMA –

Non solo un danno ma anche uno spreco: è importante intervenire il prima possibile per risolvere il problema non solo per salvare gli alberi ma anche per evitare che nei prossimi mesi ci si ritrovi nuovamente con i marciapiedi dissestati a causa delle radici fuoriuscite.

Intanto, come scrive “Il Corriere della Sera”, l’assessore Campioni ha scritto una lettera al dipartimento “Simu” (Sviluppo infrastrutture e manutenzione urbana) del Campidoglio affinché intervenga presto per risolvere il problema.

(Fonte immagine: Il Corriere della Sera)

PER APPROFONDIRE: Alberi, ecco quanto vale,in termini antismog, ciascuna specie. E quanti soldi ci fanno risparmiare